Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla maturità 2021, da quando inizia a come funziona, fino a tutte le novità rispetto agli anni precedenti.

La notte prima degli esami quasi tutti la passano sui libri, e si tratta di un momento indimenticabile della vita di ciascuno, in particolare di chi fa la maturità. Nel 2021, però, l’esame di stato sarà diverso rispetto agli scorsi anni, a causa della pandemia di Covid-19, un po’ come quello del 2020 anche se in maniera diversa. Quando inizierà ufficialmente? Come si svolgerà il maxi orale? E quali sono le materie principali per cui gli studenti saranno interrogati? Ecco tutto quello che c’è da sapere in merito.

Maturità 2021: le date ufficiali

La pandemia ha causato problemi e gap non solo nel mondo del lavoro ma anche in quello della scuola. La dad ha messo a dura prova gli studenti, ma la maturità è un passo che devono fare. Ma come funzionerà? Ufficialmente la data di inizio sarà mercoledì 16 giugno, precisamente alle ore 8:30.

Stano alle direttive del Ministero dell’Istruzione, con a capo Patrizio Bianchi, la commissione si riunirà lunedì 14 giugno per l’estrazione della lettera per capire l’ordine degli studenti che passeranno all’orale, a partire dal 16 giugno.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Maturità 2020
Maturità 2020

Maturità 2021: come si svolge?

L’esame di stato 2021 sarà molto simile a quello del 2020, con una maxi prova orale e l’assenza delle canoniche prove scritte. L’orale della maturità 2021 sarà diviso in 4 fasi distinte, e varrà 40 punti totali, che si sommeranno al punteggio derivato dai crediti formativi del triennio di scuola superiore. La durata della prova orale sarà all’incirca di 1 ora.

Per l’ammissione all’esame non si terrà conto delle prove Invalsi e delle ore del PCTO, ovvero Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento.

Per capire come funzionerà, ecco uno schema orientativo sulle 4 fasi della prova orale:

-La prima fase sarà la presentazione dell’elaborato che verte sulle materie di indirizzo (quindi a seconda della scuola e dell’indirizzo scelto saranno differenti). Esso può essere collegato anche ad altre materie non di indirizzo e anche con le esperienze svolte in PCTO.

Discussione di un breve testo, già studiato in ambito di letteratura, italiano e lingue.

-Discussione di un materiale assegnato dalla commissione (che ricordiamo è quasi tutta interna, a parte il presidente di commissione, che è esterno), che sarà sempre coerente con l’indirizzo di studi e con il programma svolto durante l’anno.

-La quarta fase sarà, infine, legata all’esposizione delle esperienze di ogni studente svoltesi in PCTO.


Covid, variante Delta: tutto quello che sappiamo sulla variante più contagiosa e pericolosa

Cosa significa nichilismo?