Massimo Giletti racconta il dolore per la perdita del padre in un’intervista e fa alcune confessioni su di sé e sul suo lavoro.

In un’intervista rilasciata al settimanale Chi, Massimo Giletti racconta come ha vissuto la perdita del padre. In queste parole emerge tutto il lato umano e le fragilità del giornalista che si mostra sempre con il pugno di ferro. Alla conduzione di Non è l’Arena, Gilletti ha fatto un buonissimo lavoro ma ammette di essersi trascurato.

Massimo Gilletti si racconta a cuore aperto

In occasione dell’intervista Massimo Giletti ammette che il lavoro lo ha spesso provato: “Mi sono trascurato tanto, devo avere più rispetto per me stesso.” Il giornalista affronta poi una delle pagine più buie della sua vita: la perdita del padre. Emilio Giletti è morto nel 2020 all’età di 90 anni e ha lasciato un vuoto nel cuore del conduttore che dichiara: “Mi muove la passione per il mio lavoro, ma la perdita di mio padre mi ha fatto sentire solo.” A distanza di tempo Massimo Gilletti guarda comunque al suo futuro e ammette speranzoso: “Ora sono alla ricerca della felicità”. Attualmente il conduttore se dedica a scrivere libri di successo e alla conduzione del suo programma che sembra andare a gonfie vele.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 06-10-2021


Carlos Corona: “Sogno che mamma e papà tornino insieme”

Drupi e Dorina si raccontano a Oggi è un altro giorno: un amore che dura da 50 anni