Durante i dibattiti parlamentari per la fiducia al suo Governo Mario Draghi è stato immortalato mentre tentava di sistemare – ripetutamente – la mascherina sul volto.

Il presidente Mario Draghi ha avuto qualche problema con la mascherina anti-Covid durante i dibattiti parlamentari per la fiducia del Governo e, come mostrato da TgCom24 con una serie di scatti, avrebbe cercato ripetutamente di sistemare la mascherina sul suo volto. La vicenda ha sollevato una polemica sui social visto che, in molti, sono costretti a indossare la mascherina per diverse ore consecutive al giorno (non senza fastidio) a causa dell’emergenza sanitaria in corso.

Mario Draghi e la mascherina

Dopo le polemiche per il suo scivolone sui numeri della terapia intensiva, Mario Draghi è finito di nuovo al centro di un acceso dibattito via social per la mascherina da lui indossata – non senza qualche fastidio – durante i dibattiti parlamentari. In aula il presidente del consiglio avrebbe sistemato e toccato ripetutamente la mascherina anti-Covid, forse accusandone il fastidio dopo averla avuta sul volto per molte ore consecutive.

Mario Draghi
Mario Draghi

Sui social la vicenda ha sollevato una valanga di commenti visto che in molti tra i cittadini, per esigenze di lavoro, sarebbero costretti a indossare il dispositivo antivirale per molte ore consecutive (al fine di evitare contagi).

I numeri della terapia intensiva

Nei giorni scorsi Mario Draghi era finito al centro della bufera per una gaffe commessa in Senato durante la presentazione del suo programma di Governo. In quell’occasione il presidente del Consiglio aveva affermato che i ricoveri in terapia intensiva sarebbero stati 2 milioni, contro i 2 mila effettivi. Accortosi dei bisbigli in aula il presidente si era prontamente corretto, e per finire aveva affermato di essere molto emozionato per l’incarico ottenuto (a seguito della mancata formazione di un Conte Ter).


Diletta Leotta, la sorpresa romantica per Can Yaman: “Il regalo più bello mai ricevuto”

La decisione di Juliana Moreira: “Basta quinta! Voglio la terza”