Maria De Filippi a Verissimo parla di Morgan, di Sanremo e del trono gay

Di rado Maria De Filippi rilascia interviste video, ma per Silvia Toffanin e per Verissimo ha fatto un’eccezione e ha parlato di molte cose…

chiudi

Caricamento Player...

Maria De Filippi, regina di Mediaset grazie ai suoi programmi di enorme successo, è stata la protagonista dell’ultima puntata di Verissimo, il talk show condotto da Silvia Toffanin. Nel corso della puntata la conduttrice ha affrontato diversi argomenti, alcuni dei quali “spinosi” come quello del caso Morgan.

IM_MARIA_DE_FILIPPI
IM_MARIA_DE_FILIPPI

Maria De Filippi e Morgan

Quello che è stato poi ribattezzato dai giornali “il caso Morgan” ha avuto luogo quando il cantautore, assunto come coach della squadra Bianca, ha abbandonato il gioco e ha accusato di molte cose la produzione del programma. Sono volate accuse pesanti, ma la De Filippi, nel salotto di Verissimo, si è limitata a dire questo, a proposito della questione:

“É stata una bella sfida, però non l’ho vinta. Forse ci voleva più presenza, un po’ più di costanza”.

La conduttrice ha poi ribadito di stimare Morgan dal punto di vista artistico e riguardo alla sua conoscenza musicale.

Maria De Filippi a Sanremo 2017

La conduttrice si è aperta anche a riguardo della sua esperienza come co-conduttrice di Sanremo 2017, a fianco di Carlo Conti:

“L’ho vissuta malissimo, purtroppo! Con il senno di poi l’avrei vissuta diversamente. Ho fatto impazzire tutte le persone che erano con me. Li tenevo tutta la notte a studiare ogni minimo dettaglio. Sapevo tutto. Ho capito, invece, che potevo essere del tutto impreparata perché il tempo per parlare con le persone era di qualche secondo e presentavi le canzoni leggendo sul gobbo. Però mi sono divertita”.

Trono gay 2017

La De Filippi ha poi parlato del trono gay, che è andato in onda per la prima volta lo scorso anno, con grande successo:

“Era da due o tre anni che ci pensavo. Mi è sembrato giusto farlo l’anno scorso. I protagonisti di questo trono sono stati molto amati, perché si sono posti in maniera diversa rispetto ai soliti corteggiatori. Era uno trono che si stava ad ascoltare, più che a vedere (…) Penso che il trono gay ritornerà a settembre”.