“Mara Venier tra le peggiori, mi ha abbandonato”: Leopoldo Mastelloni si sfoga

Leopoldo Mastelloni si racconta, parla della sua sessualità e si toglie qualche sassolino dalle scarpe

chiudi

Caricamento Player...

Leopoldo Mastelloni si racconta a Il Fatto Quotidiano e racconta dei suoi problemi economici, del tentativo di suicidio e della sua omosessualità che gli crea non pochi problemi. Inoltre, si sfoga nei confronti di chi lo avrebbe abbandonato, come Mara Venier.

Leggi anche: Mara Venier: insultata e minacciata in treno

Leopoldo Mastelloni si racconta a partire dalla sua pensione di 600 euro e dalle sue origini napoletane, che non sente sue, perchè ogni volta che torna a Napoli viene insultato per la sua omosessualità.

“Avevo solo detto che mi sentivo romano, scendo a Napoli e in neanche 24 ore da re mi trasformo in reietto: “Frocio, ricchione, omm ‘e mmerd, vafangulo, tornatene a Roma”

Poi Mastelloni parla del suo modo di vedere l’amore a ammette di non aver mai avuto relazioni durature con gli uomini ma solo con le donne.

“Per me il contatto fisico è solo carnale. Nel mio modo di concepire un amplesso c’è tutto. C’è il mondo in tre ore. Se mi tocchi fuori dal letto però mi dai fastidio. Li caccio o faccio in modo che se ne vadano. Fuori, per carità. L’amante mio finisce alle sei del mattino. Se dico che il mio unico amante è il pubblico sembra un paradosso alla Wanda Osiris, ma la verità è che gli unici affetti seri, più lunghi di una notte, li ho avuti con le donne. Posso convivere con una donna forse, con un uomo mai. Con il maschio può esserci soltanto un’amicizia da collegio”.

Mastelloni non etichette o definizioni riguardo la sua sessualità, anzi si dissocia dai gay che ostentano la loro sessualità.

“Mi hanno definito gay, frocio, ricchione, ma non hanno capito niente […] Io voglio essere tutto e la mattina dopo poter saltare dal tuo letto in fuga negando persino di averti conosciuto. Come diceva Peppino Patroni Griffi: “Negare sempre”. Sapete cosa mi dà più fastidio? L’ostentazione. L’outing. Il privato sbattuto in pubblico. La ridicola partita dei matrimoni gay. Avete scelto la trasgressione e poi volete fare peggio dei coniugi di Abbiategrasso. Ma che cazzo state a dì?”

Leopoldo Mastelloni sta vivendo un periodo economicamente difficile, e svela chi, tra le sue amicizie, gli è rimasto accanto e chi invece è sparito. Si accanisce soprattutto con Mara Venier.

“Per fortuna ci sono le amiche come Orietta Berti, Gigliola Cinquetti e Barbara Mastroianni ad aiutarmi, altrimenti non so come farei. Non tutti gli amici mi sono stati vicino. Alcuni come Mara Venier, la peggiore di tutti o Catherine Spaak sono proprio spariti”.