Dopo il successo a Sanremo e quello all’Eurovision Song Contest i Maneskin hanno lanciato il loro merchandise ufficiale, che è andato letteralmente a ruba.

A meno di 30 minuti dal suo lancio ufficiale il merchandise ufficiale dei Maneskin ha ottenuto il tutto esaurito. La notizia è stata data dai canali ufficiali della band con uno scatto in cui si vede il frontman Damiano David con una delle t-shirt sold out. “Torneremo presto”, si legge nella didascalia al post della band, che intanto ha invitato i fan a preordinare i nuovi prodotti. Per i Maneskin si tratta dell’ennesimo successo dopo il traguardo raggiunto a Sanremo 2021 e alla vittoria dell’Eurovision Song Contest.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Maneskin
Maneskin

Maneskin: il merchandise sold out

Le t-shirt, le felpe e gli gadget ufficiali dei Maneskin sono andati sold out a meno di un’ora dal loro lancio sul web, e del resto non c’è da stupirsene: da settimane la band romana è in vetta alle classifiche, e la vittoria all’Eurovision Song Contest le ha consentito di spopolare rapidamente anche all’estero. La band si era già fatta notare a X Factor, e nei mesi scorsi aveva portato a casa anche lo straordinario trionfo del Festival di Sanremo 2021, dove avevano gareggiato con la loro canzone Zitti e buoni.

Il lancio del merchandise targato Maneskin è stato annunciato dai componenti della band con uno scatto via social che ha fatto il pieno di like.

La vittoria e le polemiche

Nei giorni scorsi il frontman della band, Damiano David, è stato travolto da una valanga di polemiche per un video – circolato in rete – e riguardante il suo presunto (e poi smentito) consumo di droga all’Eurovision Song Contest. Dopo la ferma via social e la querela contro il giornale che aveva messo in giro la notizia Damiano David si è anche sottoposto al test antidroga per provare definitivamente la sua più totale onestà.


Antonino Spinalbese, l’ex fidanzata: “Belen? Mi ha telefonato, è stata fuori luogo”

Kate Middleton e William pronti per il quarto figlio? “Voglia di avere un altro bambino”