Una lite tra fratelli sfociata per vie legali, l’affare di cyclette di lusso di Gianluca è stato un flop e ora l’imprenditore dovrà pagare 200 mila euro.

In casa Vacchi è in corsa una lite sfociata in tribunale. Gianluca che è molto noto e seguito sul web e Bernardo molto più pacato e non sopra le righe. I due fratelli sono andati per vie legali a causa di un investimento sulle cyclette di lusso di Gianluca. L’affare per lui non è andato bene, il giudice ha dato ragione all’altro fratello. Ora, oltre a dover pagare 200 mila euro e una fornitura di cyclette il deejay potrebbe andare incontro al pignoramento dei suoi beni.

La lite tra i due fratelli Vacchi

Gianluca Vacchi
Gianluca Vacchi

Come riporta il Corriere della Sera: “I fratelli Vacchi, Bernardo e Gianluca, bolognesi ed eredi di una delle più importanti famiglie di imprenditori italiani, dopo essersi separati non senza frizioni dal punto di vista professionale, sono finiti in tribunale. Da una parte Bernardo, stile di vita sobrio e personalità pacata, a suo tempo in corsa per scalare Confindustria. Dall’altra il più noto Gianluca, classe 1967, figlio del fondatore dell’Ima, una storica azienda che si occupa di progettazione e produzione di macchine automatiche per la realizzazione e il confezionamento di cosmetici, di farmaci e di prodotti alimentari.

Dopo il fallimento della suo business di cyclette di lusso per cui si è diviso professionalmente dal fratello, ora il deejay potrebbe vedersi pignorati i suoi beni. Lo stesso Bernardo ha fatto richiesta di questo in tribunale.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 13-05-2022


“Come uomo vale zero”: Estefania contro Roger all’Isola

“Sì, mi piace”: Federica Aversano ricambia Riccardo Guarnieri, Ida verrà messa da parte?