Lalo Maradona, fratello del Pibe de Oro, è stato ricoverato in terapia intensiva a causa di gravi complicazioni dovute al Covid.

L’ex calciatore 54enne Raúl Alfredo Maradona Franco, meglio noto come Lalo Maradona, è stato ricoverato in terapia intensiva a Belgrano a causa di complicazioni insorte per Covid-19. A quanto riporta La Repubblica il suo quadro clinico sarebbe complicato e per questo, nelle prossime ore, potrebbe ricevere il plasma iper immune.

Lalo Maradona in terapia intensiva

L’Argentina è col fiato sospeso per Lalo Maradona, fratello minore del compianto Pibe de Oro, che in queste ore sta combattendo contro delle grave complicazioni insorte a causa del suo contagio da Coronavirus.

Diego Armando Maradona
Diego Armando Maradona

Al momento le sue condizioni sarebbero gravi e per questo i medici starebbero ipotizzando di curarlo attraverso il plasma iper immune. Sulla vicenda non vi sono conferme, ma in tanti tra i fan di Lalo sono in attesa di ulteriori dettagli riguardanti le sue condizioni. Sui social moltissimi fan si sono riversati sulle sue pagine social per esprimere verso di lui il loro calore e il loro affetto.

La morte del Pibe de Oro

Pochi mesi fa, il 25 novembre 2020, Diego Armando Maradona è scomparso a pochi giorni dal suo 60esimo compleanno. La sua morte ha aperto una faida interna alla famiglia per la spartizione dell’eredità, mentre alcuni dei medici dell’ex campione sono finiti sotto inchiesta per incuria. Sulla vicenda sarebbero ancora in corso le indagini della polizia per accertare se davvero ci fossero responsabilità per la sua improvvisa scomparsa.

Dopo la morte di Diego Armando Maradona suo fratello Lalo ha più volte manifestato il suo dolore e la sua nostalgia nei suoi confronti attraverso i canali social, dove in tanti si sono riversati manifestando il loro cordoglio. In Argentina sono stati proclamati 3 giorni di lutto nazionale durante l’addio al celebre campione.


Il dramma di Paola Turani: “Dell’infertilità si parla sempre poco”

Rita Dalla Chiesa contro Michela Murgia: “Stai zitta”