La nota coppia è sbarcata sulla riviera ligure con figli e famiglia al seguito e si è sposata in abiti e location italiani, in un fastoso castello a Portofino.

Kourtney Kardashian e Travis Barker hanno deciso di rinnovare i voti nuziali in Italia. Un castello che affaccia sul golfo, abiti di Dolce e Gabbana e super lusso per un atmosfera tutta made in Italy. Insomma, Portofino si è illuminata con le star di Hollywood che hanno creato un bellissimo spettacolo per loro stessi ma anche per la città.

Kourtney Kardashian e Travis Barker i dettagli delle nozze

Come riporta AGI: “Kourtney, che ha 43 anni, e il marito Travis, produttore musicale e batterista del gruppo punk Blink-182, che ne ha 46, alloggiano sul superyacht Regina d’Italia di Stefano Gabbana. La coppia si è sposata in maniera più riservata a Los Angeles dopo i Grammy del mese scorso e poi nel municipio di Santa Barbara, in California, domenica. Almeno a Santa Barbara lei già indossava un mini-abito bianco della maison.

La coppia è stata vestita da Dolce e Gabbana. La stilista ha con loro una vera e propria collaborazione, infatti le sorelle Kardashian si mostrano spesso con gli abiti della griffe. Un matrimonio di lusso e spettacolare con tutti i membri della famiglia, rampolli compresi, figli al seguito. Come continua AGI: “Persino i 4 motoscafi Riva che nel pomeriggio traghetteranno gli ospiti dal panfilo a terra sono stati arredati da Dolce & Gabbana con cuscini e asciugamani in stampa animalier“. Insomma, l’intero matrimonio in stile made in Italy è un tributo al Paese.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 23-05-2022


Fedez e J-Ax fanno pace e annunciano un progetto importante

Alessandra Moretti contro Massimo Giletti: “Io lo denuncerò”