Nella puntata di ieri sera, la soprano ha avuto un confronto con l’attore in merito al triangolo fra lui, Soleil e Delia e si è infuriata dandogli del falso.

Uno scontro durissimo si è consumato tra Alex Belli e Katia Ricciarelli. La soprano ha preso le difese di Soleil che rappresenterebbe una vittima di un teatrino orchestrato a dovere, sin dall’inizio. La discussione si accende sino ad arrivare a vere e proprie minacce.

La lite tra Alex Belli e Katia Ricciarelli

In super led, Katia Ricciarelli è stata interrogata su cosa pensa di Alex Belli e del suo atteggiamento con Soleil e Delia. La soprano non tiene nascosto il suo disappunto, sopratutto a protezione di Soleil e, come riporta Fan Page, afferma: “Smettetela di fare gli esibizionisti perché l’amore è tutta un’altra cosa. Avete fatto male a Soleil e ci sono rimasta male perché ci è caduta come una pera cotta. Non voglio fare discussioni perché tu sei venuto qui per riprenderti tua moglie e invece è finita com’è finita. Se non fossimo in televisione io ti darei anche una sberla. Non amo quelli che esibiscono l’amore come fai tu.

A questo punto, Alex Belli prova a difendersi dichiarando: “Io non sono mai stato questo, non c’è nessun esibizionismo. Ma questo qui non è amore. È un’altra cosa. Ma siamo in due, non sei né te e né lei. Perché io non ci sono caduto come una pera cotta?“. Con queste affermazioni la Ricciarelli si infuria ancora di più: “Sei un bugiardo, non mi freghi a me. Attraversiamo la porta rossa che ti faccio un culo così“. 

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Grande Fratello Vip

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 22-02-2022


Carolina Stramare è la nuova fiamma di Dusan Vlahovic

Soleil e Delia provano a spiegare il bacio saffico, Katia Ricciarelli: “Ci vuole decenza e pudore”