Insonnia da smartphone? il filtro luce blu ti farà dormire meglio: le app e le impostazioni

La chiamano “insonnia da smartphone” ed è dovuta all’uso del telefono la sera tardi e nel letto. La causa è la luce del cellulare e con un buona app filtro per la luce blu può essere risolta.

Hai difficoltà a dormire? Ti giri e ti rigiri nel letto controllando compulsivamente la tua bacheca social? Potrebbe essere insonnia da smartphone. La luce dello schermo, infatti, viene interpretata dal cervello come luce simile a quella solare. Ed il nostro corpo si convince che è ancora giorno. Alcune app gratuite vengono in nostro aiuto: filtrano la luce blu dello schermo e ci consentono di dormire meglio.

Insonnia da smartphone: il nemico è lo schermo (e non solo)

I display degli smartphone sono impostati in automatico dalle case produttrici sulla frequenza di colore più brillante, che rende meglio il contrasto dello schermo. Questo funziona benissimo durante il giorno, durante la notte invece potrebbe costituire un problema.

Diverse ore serali di esposizione alla luce blu, fredda, del telefono equivalgono in piccolo all’esposizione degli occhi alla luce solare. Il cervello viene così “ingannato” dalla luce del display e ritiene erroneamente che il sole sia ancora alto. Come risultato, il corpo è restio a rilasciare le sostanze e gli ormoni che favoriscono il sonno. Da qui l’insonnia, con le sue conseguenze negative.

Anche la prassi consolidata di giocare, scrivere mail e fare attività social è in sè una causa di insonnia da smartphone. Queste sono tutte pratiche che attivano i circuiti logici del cervello umano e tengono alta la soglia dell’attenzione. Al contrario, andando verso la notte, dovremmo progressivamente rallentare l’attività logico-deduttiva: la sera dovrebbe essere dedicata alla contemplazione.

filtro luce blu
FONTE FOTO: https://www.flickr.com/photos/149902454@N08/

Il filtro luce blu che ti fa dormire meglio

Posto quindi che la cosa migliore è staccarsi da smartphone, tablet e simili prima delle 10 di sera, c’è una soluzione per le più irriducibili. Esistono infatti alcune app gratuite impostazioni di sistema che intervengono a livello software e filtrano la luce blu. Il risultato sarà uno schermo che vira in modo sensibile verso il rosso. Se all’inizio può sembrare strano, con l’abitudine diventa tutto molto più naturale e l’insonnia da smartphone sarà un ricordo.

FONTE FOTO: https://www.flickr.com/photos/39908901@N06, https://www.flickr.com/photos/149902454@N08/

ultimo aggiornamento: 26-02-2018

Donna Glamour

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X