Incontro tra il sindaco Giuseppe Sala e una delegazione delle persone sfollate: il Comune di Milano è pronto a dare il massimo sostegno.

Il Comune di Milano è pronto a sostenere gli abitanti della Torre dei Moro, il palazzo bruciato domenica scorsa. Stamane si è svolto un incontro tra il sindaco, Giuseppe Sala, e una delegazione delle persone sfollate: “Il primo punto è quello della accoglienza immediata – ha spiegato il primo cittadino -. L’idea dei condomini è di concentrarsi tutti all’hotel Quark, che si trova a pochi metri dalla torre bruciata, stiamo parlando di 58 adulti e 14 bambini. Non era un hotel convenzionato con noi ma abbiamo fatto una convenzione ed il prezzo giornaliero è scontato. Su questo dovrebbe rispondere l’assicurazione altrimenti c’è la nostra disponibilità a sobbarcarci le spese per un periodo che definiremo”.

Il Comune – come riporta l’Ansa – ha iniziato anche una prima ricognizione degli appartamenti che saranno disponibili per gli sfollati. I primi 80 saranno disponili subito e da lunedì, chi è interessato, potrà andare a vederli. Gli appartamenti diventeranno poi in tutto 200, che però saranno liberi da febbraio. “Sono appartamenti di Ers con un contratto di affitto del 30-40% in meno dello standard – ha spiegato Sala – poi va analizzata la situazione famiglia per famiglia. I 200 appartenenti sono vicini a dove sorge la torre”.


Altro omicidio nel Nuorese, freddato un allevatore

Torino, incendio in un palazzo di piazza Carlo Felice