Da sabato 21 novembre 2020 su Rai 2 va in onda Il filo rosso, il programma condotto da Paola Perego che esplora il mondo dei sentimenti.

Paola Perego torna su Rai 2 con un nuovo programma, un format originale che lei stessa ha contribuito in prima persona a creare: parliamo di Il filo rosso. Con questa nuova trasmissione la conduttrice sarà nelle case degli italiani ogni sabato pomeriggio, a partire dalle ore 14: la prima puntata del programma andrà in onda sabato 21 novembre 2020. Ad accompagnare Paola Perego nel corso dei vari appuntamenti settimanali con Il filo rosso ci saranno anche una serie di ospiti famosi.

Il filo rosso: su Rai 2 Paola Perego esplora i sentimenti umani

Se vi chiedete che cosa sia Il filo rosso e di che cosa tratta il programma, sappiate che è una sorta di viaggio all’interno dei sentimenti. In ogni puntata verranno raccontate delle storie di persone comuni che hanno saputo superare svariati problemi o affrontate situazioni particolare grazie a particolari legami.

Paola Perego
Paola Perego

Nella prima puntata ad esempio, verrà raccontata la storia di Daniel, un ragazzo che è stato a lungo vittima di bullismo ma che è riuscito a superare questo momento grazie appunto all’aiuto della famiglia. Verrà poi raccontata anche la storia di Michele, un giovane pastore che ha deciso invece di legare al filo rosso alla sua terra.

Non mancheranno poi i momenti di intrattenimento e gli interventi di vari ospiti, quelli della prima stagione saranno Adriano Panatta, Salvatore Esposito e don Giacomo Pavanello.

Paola Perego: i programmi

Prima de Il filo rosso, Paola Perego l’abbiamo vista su Rai 1 con Non disturbare e prima ancora con Parliamone… Sabato. Sempre sui canali Rai negli ultimi anni l’abbiamo vista anche alla condizione di Domenica In, La vita in diretta, Eroi di tutti i giorni, Superbrain – Le supermenti e molti altri programmi ancora.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Capodanno 2021 a distanza: le proposte di Rai1

La vitamina D può aiutare a contrastare il Coronavirus?