I modelli di Bimby

Tutte le evoluzioni di una pietra miliare dei robot da cucina

chiudi

Caricamento Player...

I modelli di Bimby hanno seguito nel corso degli anni un’evoluzione costante. Il Bimby è, in termini tecnici, un robot da cucina multifunzione. Nato nel 1960 dal progetto di un cittadino svizzero, fu immediatamente brevettato e sviluppato dalla francese Vorwerk, che ancora ne detiene il marchio. La sua longevità e la sua capacità di rinnovarsi continuamente mantenendo il passo con le nuove tecnologie lo ha confermato come uno dei migliori elettrodomestici nel suo genere.

Il Bimby attraverso i decenni

Il primi modelli di Bimby furono il VM2000 e il VM 2200, quest’ultimo in grado già negli anni Settanta di preparare piatti caldi e freddi.
Nel 1981 viene realizzato il modello più vicino agli standard del design attuali di questo robot, il 3300 che presentava rispetto ai predecessori diverse temperature e velocità.

E’ nel 1995 però che il Bimby segna una delle svolte fondamentali nella sua evoluzione. In quell’anno fu presentato il TM21, il Bimby in grado di preparare un pranzo completo nel giro di mezz’ora pesando, miscelando e cuocendo (anche a vapore) tutti gli ingredienti in un boccale molto più capiente rispetto ai modelli precedenti. Sono ancora in commercio i pezzi di ricambio e gli accessori originali per questo modello.

I modelli di Bimby più recenti

Nel 2004 è stato messo in commercio il TM31, il primo modello a introdurre un’interfaccia digitale e la possibilità di impostare una velocità di mescolamento più delicata o più sostenuta. E’ possibile acquistare on line anche i ricambi originali del Bimby TM31, attualmente ancora in commercio.
Il modello più attuale è il Bimby TM5: totalmente digitale, fornito di un display touchscreen in grado di guidare attraverso l’esecuzione delle ricette passo per passo grazie alla funzione “cucina guidata” e alle ricette che possono essere caricate su una memoria esterna e inserite nel robot.

Fonte immagine di copertina: Vorwerk