Google ha lanciato un nuovo strumento con cui è possibile trovare il titolo della canzone anche quando viene fischiettata o canticchiata: ecco come funziona.

A tutti, almeno una volta nella vita, è capitato di non ricordare il titolo di una canzone, pur avendo la melodia vivida nella propria testa. Una situazione particolarmente frustrante, che da oggi potrà essere risolta con estrema facilità. Google ha introdotto una funzionalità che consente di trovare tutti i dettagli su una canzone canticchiandola o fischiettando la melodia. Scopriamo subito tutti i dettagli.

Google, come scoprire il titolo di una canzone?

Con Search On, lanciata durante il mese di ottobre del 2020, Google consentirà agli utenti di scoprire il titolo, l’autore e tutti i dettagli di una canzone semplicemente canticchiandola o fischiettandola. Ovviamente, non sarà necessario, grazie all’algoritmo, essere degli abilissimi cantanti o musicisti.

Per ottenere il titolo della canzone è possibile seguire due strade, ma entrambe richiedono l’ausilio di uno smartphone Android e iOS. Negli smartphone Apple, tra cui il nuovo iPhone 12 Pro Max, lo strumento è disponibile solo in lingua inglese.

Il primo modo per utilizzare la funzionalità di riconoscimento della canzone è aprire l’ultima versione dell’app Google e pronunciare la frase “Qual è questa canzone?” o “Cerca una canzone”. A questo punto, sarà necessario canticchiare o fischiettare la canzone per circa 15 secondi.

Un altro modo per ottenere il medesimo risultato è affidarsi a Google Assistant, disponibile in numerosissimi smartphone. In questo caso, bisognerà prima attivare l’assistente virtuale, pronunciando “Hey, Google”, e poi porre il proprio quesito (ad esempio, “Qual è questa canzone?”).

Come funziona il riconoscimento di una canzone

Come spesso accade con le novità rilevanti, Google ha pubblicato nel blog ufficiale un articolo con tutti i dettagli sulla funzionalità. Il colosso di Mountain View ha spiegato che, così come ogni essere umano ha la propria impronta digitale, anche le canzoni presentano un tratto distintivo: la melodia (ovvero la successione di suoni con senso compiuto).

Gli algoritmi utilizzati da Google, azienda che ha distribuito anche alcuni strumenti per aiutare le persone con disabilità, si occupano di semplificare la canzone fischiettata o canticchiata eliminando tutto ciò che per le macchine è superfluo.

Vengono quindi rimossi gli strumenti, il timbro della voce, eventuali effetti sonori e viene mantenuta solo la melodia, tradotta in numeri. Dopo aver ottenuto questo codice, l’algoritmo riesce a risalire alla canzone originale con la stessa melodia. Quindi, non si tratta di magia, ma dell’ennesima dimostrazione delle potenzialità dell’informatica.

Fonte foto di copertina: https://pixabay.com/it/photos/donna-ragazza-cuffie-musica-977020/

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Apple iPad Air 2020 è arrivato anche in Italia: ecco il sorprendente tablet

Lo smartphone Android diventa un POS, grazie alla nuova applicazione Visa