Google Maps e il Covid: disponibili dati su restrizioni, tamponi e quarantene nei Paesi di destinazione, alla portata di tutti.

Dallo scoppio della pandemia di Covid-19, Google ha dimostrato in più occasioni la volontà di trasformarsi in uno strumento sempre più al servizio delle persone. A partire dallo scorso anno, la grande G ha donato più di 100 milioni di dollari a favore della lotta contro il Covid, ma non solo. I servizi di Google si sono sempre più adattati alle necessità degli utenti nel delicato periodo di pandemia. Così, avvisi su luoghi troppo affollati, modifiche di orari e possibilità di consegna a domicilio delle attività hanno fatto la loro comparsa sul motore di ricerca più famoso al mondo. Ora Google è pronto ad aiutare gli utenti durante l’organizzazione dei loro viaggi, per favorire spostamenti informati. Mostrerà aggiornamenti relativi al Covid e alle diverse restrizioni su Google Maps, accessibili a tutti.

Google Maps e il Covid: informazioni sui luoghi accessibili

Con l’aumento esponenziale dei vaccini, la speranza di tornare a viaggiare anche durante la pandemia si fa più forte.
Come riportato da Google, risultano sempre più numerose le ricerche sul web per scoprire quali luoghi siano accessibili o meno a causa del Covid, complice anche l’avvicinarsi delle vacanze estive.

Google Maps
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/navigazione-mappe-di-google-5755999/

Per garantire una maggiore sicurezza negli spostamenti, Google proporrà informazioni e dati aggiornati relativi ai viaggi sul motore di ricerca e su Google Maps. Grazie agli ultimi aggiornamenti, in pochi secondi sarà possibile scoprire quali mete sono raggiungibili e quali, invece, restano sconsigliate o vietate.

Google Maps si impegnerà a mostrare quali sono le restrizioni in atto nelle varie zone. Riporterà se vi è la necessità di effettuare un tampone prima dell’arrivo e quali sono le norme vigenti sulla quarantena nel luogo di destinazione.
Inoltre, in caso di eventuali modifiche sulle restrizioni, si potranno ricevere informazioni sui propri itinerari di viaggio tramite notifiche da app o via mail.

Consigliati sempre più luoghi all’aria aperta

Con le recenti riaperture, i luoghi da prediligere sono sicuramente quelli all’aperto e Google lo terrà in considerazione. Sulla piattaforma per la pianificazione di viaggi Google Travel i suggerimenti prenderanno una nuova direzione. Verranno presentati sempre più luoghi d’interesse all’aria aperta, come parchi nazionali, spiagge o centri sciistici, per incentivare un turismo più consapevole e sicuro.

Non solo più voli aerei, ma saranno proposte ancora più modalità di trasporto alternative. Tra i risultati di hotel e alberghi, inoltre, compariranno più frequentemente anche campeggi e aree di sosta. “Qualsiasi tipo di gita tu stia organizzando (o anche solo pensando), speriamo che questi strumenti ti aiutino a prendere decisioni relative ai tuoi viaggi con sicurezza” conclude Google sul suo blog ufficiale.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/navigazione-mappe-di-google-5755999/

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 05-05-2021


Cosa significa pragmatico?

Bill e Melinda Gates divorziano: cosa ne sarà della loro (miliardaria) fondazione?