Gli utilizzi della noce moscata

Una spezia versatile e inconfondibile

chiudi

Caricamento Player...

Gli utilizzi della noce moscata si concentrano nella gastronomia e nel trattamento di disturbi gastrointestinali.

Breve storia della noce moscata

Fin dal momento in cui venne scoperta dagli europei, verso l’inizio del Cinquecento, la noce moscata divenne uno dei tesori della gastronomia del tempo. Il suo sapore inconfondibile e leggermente piccante, che si sposa così bene con patate, asparagi e formaggi, divenne un punto di eccellenza dell’alta gastronomia del tempo, diffondendosi soprattutto nelle corti e nei palazzi nobiliari.
Il suo utilizzo nella gastronomia attuale non è variato molto, tuttavia questa spezia è ormai diffusa e di semplice reperibilità. Si può acquistare infatti nei supermercati sia già macinata sia sotto forma di noci intere da grattugiare al momento.

La polvere di noce moscata perde rapidamente le sue caratteristiche organolettiche, è quindi una pessima idea conservare a lungo un barattolino di noce moscata macinata. Le noci moscate intere mantengono sapore e aroma inalterati per un periodo più lungo.

Gli utilizzi della noce moscata in cucina e nella medicina omeopatica

La noce moscata si sposa meravigliosamente con la besciamella, conferendo al suo sapore una piacevole complessità.
Il purè di patate speziato allo stesso modo assume un sapore pungente, che si sposa in maniera memorabile con formaggi dolci.
La noce moscata è anche ottima per aromatizzare omelette al formaggio e prosciutto, soprattutto in abbinamento al pepe nero.
Aggiunta agli infusi di zenzero ne potenzia le proprietà disinfettanti e astringenti, soprattutto a favore dell’apparato gastrointestinale.
Nella medicina antica la noce moscata veniva consigliata come potente tonico, in grado di risvegliare l’appetito (tutti gli appetiti, anche quelli sessuali), superare periodi di stanchezza, migliorare la digestione e mitigare la flatulenza.
Oggi sappiamo che le donne incinte non dovrebbero assolutamente consumare noce moscata, che in grosse dosi è potenzialmente abortiva, e che una somministrazione corposa di questa spezia più indurre convulsioni e allucinazioni. Non andrebbe mai assunta in concomitanza con psicofarmaci a causa della sua azione psicotropa.