Non c’è pace per Giorgia Soleri, finita nel mirino degli hater per il libro La signorina Nessuno. A zittire tutti, però, ci ha pensato il fidanzato Damiano David.

È un periodo di grandi critiche per Giorgia Soleri, finita al centro delle polemiche a causa di alcune dichiarazioni sul cinema. La fidanzata di Damiano dei Maneskin, tra le protagoniste del red carpet della Mostra del cinema di Venezia, ha provato ad allontanare le critiche. I tentativi, però, sono stati vani perché è bastato poco affinchè finisse nuovamente nel mirino degli hater. Questa volta, però, la causa sono le poesie contenute nel suo primo libro, La signorina Nessuno.

Giorgia Soleri si difende e Damiano spiazza tutti

La bacheca di Twitter di Giorgia Soleri è stata subissata dagli hater: c’era chi metteva in discussione le sue abilità da scrittrice e chi criticava aspramente i contenuti dei suoi scritti.

Lei, che non è solita rimanere in silenzio, ha difeso il suo operato con le unghie e con i denti, rilanciando al mittente le accuse di misoginia e replicando a chi ha ritenuto troppo espliciti alcuni passaggi inseriti nelle poesie.

“Oh comunque incredibile, quando un uomo parla di come s***a nessuno lo critica”, ha sbottato Giorgia, mentre continuavano le critiche degli hater.

Tra i commenti al post della Soleri, però, è comparso anche quello di Damiano che è sembrato a tutti come una dichiarazione d’amore destinata a far tacere i più cattivi.

“Ti amo di più quando ti avveleni”, ha ironizzato il frontman dei Maneskin, mentre la fidanzata ha replicato: “Grazie amo, best antidoto contro il veleno (ti amo anche io)”.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 07-09-2022


Fedez, cade l’accusa di vilipendio: la Procura chiede l’archiviazione

Festival di Venezia, la partecipazione delle influencer ha vita breve