Francesco Facchinetti: Wilma mi faceva da infermiera

Francesco Facchinetti e la moglie Wilma Helena Faissol raccontano a Vanity Fair come si sono conosciuti e i segreti di una famiglia allargata perfetta

chiudi

Caricamento Player...

La famiglia allargata perfetta è composta da Francesco Facchinetti, Wilma Helena Faissol e quattro figli. L’hanno raccontato loro a Vanity Fair, partendo da come si sono conosciuti e innamorati grazie a un viaggio a Marrakech. Alla rivista Francesco racconta come si sono conosciuti, grazie a un amico comune e a un viaggio in Marocco: “Io in Italia, lei in Brasile, avevamo un amico in comune e insieme stavamo organizzando un viaggio a Marrakech. Mi era simpatica, a un certo punto siamo usciti dal gruppo di WhatsApp e abbiamo cominciato a scambiarci messaggi tra di noi”.

Francesco e Wilma sono sposati da due anni e hanno due bambini: sono il ritratto dell’amore e della felicità

“Lei è arrivata a Marrakech, è entrata in casa, è inciampata ed è caduta stesa ai miei piedi. Letteralmente. Io, dal giorno dopo, ho avuto la febbre a 40 e ho passato la vacanza a letto. Lei mi faceva da infermiera.”

Da quel giorno non si sono più lasciati e lei per lui si è anche trasferita in Italia. Wilma aveva già una figlia, Charlotte, di 7 anni.

“Decidere di venire a vivere in Italia è stato complicatissimo per me. Il mio ex marito non mi ha reso la vita facile. Lolli vive un po’ con il padre e un po’ qui con noi, e io viaggio avanti e indietro più che posso”, ha dichiarato.

Anche Facchinetti aveva già una bambina, Mia, nata 4 anni fa dall’amore con Alessia Marcuzzi. Ora Mia e Charlotte hanno altri due fratellini, Leone, di 2 anni, e Liv, di 4 mesi.

“Il legame tra i bambini è fortissimo. Immagino che, vista da fuori, una famiglia così sembri roba da matti ma per noi non lo è, è la nostra realtà. Io, del resto, vengo da una situazione simile.

Mio padre ha avuto cinque figli da tre donne diverse, per me sono tutti fratelli e sorelle. Certo, ci sono state delle mancanze, di fatto io sono cresciuto senza padre. Infatti sono stato un ragazzo caratteriale, con qualche scompenso, ma questo non ha mai intaccato il mio amore per il gruppo, anzi. Il gruppo ti rende più forte” afferma Francesco.

Anche Wilma ha alle spalle una famiglia allargata e sa perfettamente come comportarsi:

“Mio padre ha avuto nove figli da tre mogli diverse. Ho imparato presto questa arte, non facile ma gioiosa, di condividere gli affetti”.