Ezio Bosso incanta Sanremo con una grande lezione di vita

Al Festival di Sanremo Ezio Bosso dichiara il suo amore per la musica e per la vita, insegnando a cancellare i pregiudizi

chiudi

Caricamento Player...

Non sarà di certo la SLA a fermare Ezio Bosso, pianista, compositore, direttore d’orchestra, ospite al Festival di Sanremo sul palco dell’Ariston dove ha incantato e zittito il pubblico che dopo la sua musica e le sue parole piene d’amore e di vita gli ha regalato una meritatissima standing ovation. Visibilmente emozionato, il maestro torinese è salito sul palco dell’Ariston incredulo di essere arrivato fin lì, nonostante la sua immensa bravura e il suo unico talento. “Già sono emozionato, così parlo ancora peggio! Quando inizio i concerti dico ‘Ciao’, è una parola bellissima. Tutti i giorni andavo al Conservatorio e la signora mi diceva “Andrai a Sanremo” e io le rispondevo “No signora, io non canto”. La musica siamo noi. È una fortuna che condividiamo. Ci è arrivata e ce la cerchiamo. Mettiamo le mani ma ci insegna la cosa più importante che esista: ascoltare. La musica mi ha dato il dono dell’ubiquità: la musica che ho scritto è a Londra e la fa un bravo direttore, e io sono qui. La musica è una fortuna, e soprattutto come diceva il maestro Claudio Abbado, è la nostra vera terapia.”

La malattia e la carriera

Ezio Bosso ha cominciato a suonare quando aveva 4 anni e ora ne ha 45, ed è un maestro di fama internazionale che ha viaggiato e suonato in tutti i teatri più importanti del mondo.

Nel 2011 la Sla, una malattia autoimmune neuro-degenerativa, lo ha colpito, ma lui non si è fatto abbattere e ha continuato a suonare e a comporre musica e ha parlato pochissime volte di questo male:

“Ho smesso di domandarmi perché. Ogni problema è un’opportunità. La cosa peggiore che possa fare è tenermi fermo. Ogni giorno che c’è, c’è. E il passato va lasciato a qualcun altro.”

Ora è in uscita il suo primo disco, La dodicesima stanza, che comprende il pezzo che ha suonato a Sanremo, Following a Bird.

Ezio Bosso
Fonte: Rai.tv

Fonte foto: Rai.tv