Nasce Dpcm 2020 Edition, il gioco da tavolo che richiama Monopoly ma in stile pandemia: per ora, però, non è in vendita.

Dall’idea di Fabrizio Iozzo, 47 anni di Roma, nasce Dpcm 2020 Edition un gioco da tavolo che ripercorre le tappe della pandemia nel nostro paese. Il gioco da tavolo si ispira a Monopoly con tanto di tabellone e di imprevisti.

Il tema del gioco però è chiaramente la pandemia o perlomeno alcuni suoi aspetti non legati all’emergenza sanitaria, ma agli sconvolgimenti della nostra quotidianità. Non stupisce che l’idea sia nata proprio durante le feste di Natale, proprio il periodo ideale per rispolverare i giochi da tavolo con le famiglie riunite, ma questo è stato un anno diverso da tutti gli altri. E forse proprio in questo momento più che in ogni altro bisogna lasciare un po’ di spazio anche all’ironia.

Dpcm 2020 Edition: tra bonus e dirette

Pensate di giocare a Monopoly, c’è un tabellone e dei cartoncini con gli Imprevisti, al posto delle Probabilità del Monopoly classico in questa particolare rivisitazione troviamo le Dirette. Naturalmente si riferisce alle trasmissioni del premier per comunicare le nuove regole imposte per tenere sotto controllo i contagi.

Giochi da tavolo
Giochi da tavolo

Abbiamo anche i cartoncini dedicati alla scienza, ma soprattutto anziché dover acquistare proprietà l’obiettivo delle partite a Dpcm 2020 Edition sarà quello di conquistare degli obiettivi molto ambiti. I bonus da conquistare sono chiaramente anch’essi a tema: mascherina, autocertificazione, amuchina, 600 euro, monopattino, ristoro, vacanza e vaccino.

Un gioco nato dall’ironia

Ogni sezione del gioco da tavola è curata per ripercorrere i momenti salienti del periodo del lockdown e in generale del 2020. Il gioco non nasce per polemizzare sulle decisioni politiche o sulle contraddizioni che si sono scatenate anche a causa dei discordanti pareri scientifici sull’argomento.

L’idea è spronata soltanto dall’ironia e dalla voglia di sdrammatizzare cercando di far emergere un po’ di leggerezza in un periodo così drammatico. L’ideatore del gioco da tavola ha attualmente creato in proprio solo alcune copie del progetto e non è intenzionato a venderle. Ma chi può escludere che un domani non lo ritroveremo in vendita negli scaffali insieme agli altri giochi da tavola tra un Monopoly e un Cluedo?


L’ESA cerca astronauti e dà il via al progetto di selezione per parastronauti

Cos’è la variante napoletana del Covid?