Diletta Leotta e Massimo Boldi: la proposta “indecente” del regista, secondo Dagospia

Non dubitiamo che Diletta Leotta abbia molti corteggiatori: tra loro spunta anche il nome di Massimo Boldi, che la vorrebbe in un suo film

chiudi

Caricamento Player...

Diletta Leotta è talmente bella e affascinante che è difficile resisterle. Lo sa bene Massimo Boldi che, secondo quanto segnala Dagospia, sarebbe molto interessato a lei. Ma non pensate male, non ci sono fini romantici di mezzo: il regista 71enne vorrebbe la giovane conduttrice solo come attrice del suo prosimo film.

Il corteggiatore più serio e insistente di Diletta Leotta? Massimo Boldi. La vuole a tutti i costi nel suo prossimo film. Da un paio di mesi non fa che elogiarne le doti in pubblico e lusingarla nel privato. I due si sono visti e anche piaciuti. Ma la giornalista non ha ancora sciolto la riserva“, riporta Dagospia (da un articolo di Chi).

DILETTA LEOTTA

Diletta Leotta e Boldi presto insieme?

Tutti pazzi per Diletta Leotta: ancora non sappiamo se la giornalista di Sky Sport accetterà la proposta di Massimo Boldi, ma di sicuro la ragazza si rivela sempre più inarrestabile. Con buona probabilità, se accetterà, la vedremo nella classica pellicola in uscita verso Natale 2017. Di sicuro, una proposta lavorativa del genere va vagliata con la dovuta attenzione.

Ma non sarebbe finita qui: oltre al film, la siciliana starebbe valutando un’altra importante proposta. Quella di Carlo Conti, che la vorrebbe come co-conduttrice a I Migliori Anni al posto di Anna Tatangelo.

Intanto più la sua popolarità cresce, più gli hater crescono. Girano infatti da diversi giorni sui social foto che insinuano che Diletta Leotta sia rifatta. Ma la 25enne ha già smentito e spiegato le sue ragioni:

Non ho modificato il mio aspetto, nessuno somiglia a una sua foto a 13 anni. E penso che ciascuno possa fare quello che vuole col suo corpo: non c’è nulla di male nel fare qualcosa fuori per stare bene dentro. Io sexy? No, solo femminile“, aveva raccontato a Oggi dopo le numerose accuse che le sono state mosse.