Vediamo quali sono le principali cause della diarrea nei bambini e quali rimedi adottare in base a ciò che ha provocato il disturbo.

Si parla di diarrea nei bambini quando si presenta uno stimolo urgente e continuo ad evacuare e l’emissione delle feci (liquide o semiliquide) si verifica più di una volta in una sola giornata. La diarrea nei bimbi è il sintomo di molte malattie che interessano l’apparato gastrointestinale, vediamo quali possono essere le cause più frequenti.

Diarrea nei bambini: quando preoccuparsi e quali sono le cause

La diarrea può essere la conseguenza di un’infezione batterica tra cui quelle provocate da tossinfezioni alimentari come la salmonellosi, o anche da infezioni virali come quelle da Rotavirus. In molti casi il disturbo può derivare da un’allergia o un’intolleranza alimentare, tra cui quelle scatenate dai latticini o dal lattosio. Ricordiamo che l’intolleranza al lattosio o la celiachia possono anche essere responsabili del malassorbimento, tra i cui sintomi appare appunto proprio la diarrea oltre a malessere generale e dolori all’addome.

Bambino con mal di pancia
Bambino con mal di pancia

Talvolta il disturbo può presentarsi anche in seguito all’assunzione di antibiotici o antinfiammatori. Oltre ai sintomi tipici della diarrea che includono anche crampi all’addome e nausea è bene fare attenzione ad altri segnali come la presenza di febbre alta, la perdita di liquidi e la presenza di sangue nelle feci. In ogni caso è bene rivolgersi sempre a un medico soprattutto se i sintomi persistono per più di due giorni. Se a presentare la diarrea è un neonato con meno di sei mesi occorre sempre rivolgersi al pediatra. Vediamo quali sono i trattamenti possibili per alleviare il disturbo.

Diarrea nei bambini: i rimedi

A differenza di quanto si può pensare non è necessario ricorrere sempre a farmaci antidiarroici per contrastare il disturbo. La prima cosa da fare è identificare le cause scatenanti e trattare il problema all’origine. Per esempio nel caso di un’infezione batterica il pediatra potrà ritenere opportuno il ricorso ad antibiotici. In ogni caso una delle contromisure più importanti da adottare è far reintegrare i liquidi persi assicurandosi che il bimbo assuma molti liquidi. Tra i maggiori rischi della diarrea, infatti, c’è proprio la disidratazione che può essere combattuta con tanta acqua ed eventualmente delle soluzioni saline pensate proprio per la reidratazione.

ultimo aggiornamento: 25-08-2021


Mortadella in gravidanza: un piacere a cui rinunciare?

Streptococco in gravidanza: quali sono i rischi e come si previene