Dalila Di Lazzaro: “Ho subito tre violenze sessuali, una a 6 anni”

La splendida Dalila Di Lazzaro, attrice 64enne, ha rilasciato una toccante intervista a Domenica Live, il talk show di Barbara D’Urso.

chiudi

Caricamento Player...

Una vita attraversata da dolori e violenze, quella della bellissima attrice e scrittrice Dalila Di Lazzaro, tra le icone indimenticate del cinema anni 70 e 80. L’attrice ha raccontato i traumi più pesanti della sua esistenza, ma ha anche trovato il modo di raccontare qualche aneddoto più leggero, sulle star hollywoodiane e gli uomini di potere che l’hanno corteggiata senza successo.

Foto tratta da video Mediaset http://www.video.mediaset.it/video/domenica_live/interviste/luci-ed-ombre-sulla-vita-di-dalila_723422.html

Stuprata tre volte

L’attrice ha raccontato di aver subito tre violenze nel corso della sua vita:

“Ho radici forti, valori ereditati da mio padre e da mio nonno, valori che ho coltivato. Sono riuscita a superare le mie tre violenze molto gravi da sola. La prima volta fu a sei anni, fu un mio cugino. Ovviamene on si parlava di questo fatto, avevo una tata cui dicevo tutto. Lei è stata molto accanto a me. Sono riuscita a perdonare. Ho avuto la sensazione di dire “è una brutta persona, io non mi sento sporca”. La seconda è stata molto grave. Ero andata a lavorare come modella a 17 anni, con una persona che mi sequestrò per quattro giorni, facendo cose terribili. Sono stata una leonessa, mi dico. La terza volta, molto grave, fu nei miei 40 anni. Era un mio amico da tanti anni, ebbe un colpo di follia in una serata, che io ho pensato di andarlo a trovare… Eravamo in un grande albergo. All’improvviso è impazzito. Pesava 150 chili, ho dovuto arrendermi, avevo avuto il primo trauma al collo. L’ho morso… Mi sono arresa. 

I flirt famosi

La Di Lazzaro ha raccontato anche il corteggiamento infruttuoso di un mostro sacro del cinema:

Jack Nicholson? Una persona meravigliosa. Mi sono pentita per quel no. Alain Delon? Io sono strana, con le persone con cui lavoro proprio non ci riesco. Alain Delon era bello come il sole. C’era un feeling…”

C’è stato anche un altro uomo importante che si è dimostrato molto interessato a lei:

“Gianni Agnelli? All’epoca, ero una fanciulla. Ero ai miei esordi. Una sera, un produttore mi chiese di accompagnarlo a mangiare insieme al suo avvocato. Fu molto insistente. Vedo questa casa importante e me lo sono trovato davanti. Se mi ha corteggiata? Sono fatti miei, come dice Raz…”

L’attrice ha subito un grave lutto negli anni ’90, quando suo figlio Christian morì a causa di un incidente stradale.

Foto tratta da video Mediaset http://www.video.mediaset.it/video/domenica_live/interviste/luci-ed-ombre-sulla-vita-di-dalila_723422.html