La valuta virtuale non è supportata da nessuno stato ma è diventata un’attività finanziaria altamente volatile

Come funziona questo tipo di criptovaluta

Bitcoin è una criptovaluta o valuta virtuale. Si tratta di un’unità di pagamento autoregolamentata senza riferimento fisico o avallo da parte di un Paese, che preserva l’anonimato dei suoi proprietari e le cui transazioni vengono effettuate tramite Internet utilizzando codici crittografati e confermate in modo multiplo dagli stessi membri della rete ( attraverso la cosiddetta tecnologia ‘blockchain’, in pratica un libro contabile o una registrazione condivisa dell’attività). Conoscere un codice ti rende il proprietario di quella risorsa (criptovaluta). È una valuta completamente digitale. Uno degli aspetti più controversi è il processo di creazione di bitcoin, che è stato chiamato mining. In pratica, è arrivato a essere controllato da poche mani, la maggior parte delle quali organizzate da gruppi con sede in Asia. Con l’aumento del prezzo del bitcoin, la redditività del processo di mining è possibile solo in aree con bassi costi energetici.

Monete Euro

È possibile sempre consultare l’andamento del prezzo di questa criptovaluta tramite qualsiasi sito specializzato in economia, dal momento che, soprattutto negli ultimi anni, il Bitcoin sta avendo una meritata notorietà da parte di tutte le agenzie finanziarie e dagli Stati stessi. Chi sostiene questa moneta virtuale, afferma che non si tratta di una struttura finanziaria piramidale in quanto a nessuno vengono promessi rendimenti e non esiste una società specifica che ne beneficia. Nessuno può essere infatti in grado di assicurare il valore dei Bitcoin, a causa della loro estrema volatilità, e rimane sempre la consapevolezza che essendo una moneta digitale scarsa e distribuita, il suo prezzo non sarà mai zero. È esattamente l’equivalente all’oro delle criptovalute.

Se vuoi sapere di più come iniziare ad investire nel bitcoin, a questo link potrai trovare una delle app migliori per i neofiti, ovvero la Bitcoin Profit App.

Perché c’è comunque scetticismo?

Il concetto di criptovaluta è stato coniato originariamente nel 1998 da uno scienziato informatico di nome Wei Dai nella cerchia dei “ cypherpunks ”, dove ha proposto l’idea di un nuovo tipo di denaro che avrebbe utilizzato un’informatica di tipo crittografico in modo da essere completamente sicura, rapida, e al di fuori delle banche. La prima specifica del protocollo bitcoin e la prova del concetto sono state pubblicate da Satoshi Nakamoto nel 2009. Satoshi, non si sa se sia una singola persona o un gruppo di lavoro, ha lasciato il progetto alla fine del 2010 senza svelare la sua vera identità. Il codice Bitcoin è aperto, qualsiasi scienziato informatico può esaminarlo o inventare delle nuove varianti, come poi è effettivamente successo.

Ancora oggi non esistono leggi fisse sulla sicurezza o meno dell’investire in Bitcoin. In ogni caso, le società di sicurezza avvertono della possibilità di furto di codice da parte di qualsiasi utente o attacchi informatici contro le case di cambio. Gli hacker progettano programmi per tali furti. Alcuni anni fa, gli analisti di Kaspersky hanno rivelato l’identificazione del Trojan CryptoShuffler, progettato ad esempio per modificare gli indirizzi dei portafogli di criptovaluta degli utenti negli appunti del dispositivo infetto. Essendo le operazioni effettuate non cancellabili ed anonime, l’eventuale furto di dati non ha soluzione. Inoltre, non ha soluzione se, per caso, dimentichi il codice personale dell’account di criptovaluta.

Come si può vedere pure su https://www.wired.it/economia/finanza/2021/03/10/bitcoin-criptovalute-tasse/ , sono moltissimi gli aspetti da tenere in considerazione se si vuole investire in questa criptovaluta, e per farlo bisogna essere notevolmente esperti nel settore, per questo motivo sconsigliamo a tutti quanti di buttarsi a capofitto in investimenti ad occhi chiusi.


Il parrucchierismo è morto, ma Daniele Valiani è pronto a portare il mestiere nel futuro, mettendo la donna al centro

Cos’è Obagi Medical: la filosofia del marchio e i suoi prodotti migliori come il siero Obagi Professional C 15%