Un gusto che rientra nei cinque fondamentali, ma che è difficile definire? L’umami! Scopriamo insieme di che cosa si tratta e la sua origine.

Una parola coniata dai giapponesi per identificare un gusto molto particolare: l’umami è il cosidetto quinto gusto, che si aggiunge agli altri quattro fondamentali che la nostra lingua sperimenta, cioè: salato, dolce, amaro e aspro. In particolare si tratta di un gusto “sapido” o anche “saporito” che è tipico della cucina giapponese. Scopriamo qualcosa in più su questa parola: la sua origine e il suo significato.

  • Origine: dal giapponese;
  • Quando viene usato: per indicare il quinto gusto “sapido” che recepiamo con la nostra lingua;
  • Lingua: giapponese;
  • Diffusione: globale.

I 5 gusti: l’umami e la sua origine

Tra i 5 giusti che il cavo orale umano, grazie a delle cellule recettrici specializzate, c’è anche l’umami, ovvero il gusto di glutammato che è presente in particolare nella carne, nel formaggio e altri alimenti ricchi di proteine.

Umami
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/salmone-soia-cucina-giapponese-2454443/

Questo gusto venne coniato dal chimico di Tokyo Kikunae Ikeda nel 1908. Venne definito un gusto fondamentale, andando ad affiancare gli altri quattro che tutti conoscono. In particolare il chimico giapponese stava facendo delle ricerche sul sapore forte del brodo di alghe. Il responsabile del sapore, come scoperto, è il glutammato monosidico.

Questo gusto, come anche gli altri, è recepito dai recettori associate alle proteine G. Invece la molecola recettore, come scoperto dall’Università di Miami, nello specifico è mGluR4.

Esempi d’uso

Ecco alcuni esempi d’uso di questa parola, che può anche essere identificata con il sinonimo “sapido”.

“Hai presente qual gusto sapido che ha la carne, ma anche alcuni cibi giapponesi? Si tratta dell’umami!”.

“Spesso non ci soffermiamo molto sui gusti che la nostra lingua recepisce, in particolare pensiamo solo a dolce, salato, aspro o amaro. C’è anche però un quinto gusto, che è il sapore del glutammato, e cioè l’umami.

Scopri anche che cosa significa kosher!

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/salmone-soia-cucina-giapponese-2454443/

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 15-12-2019


Regali solidali di Natale: ecco le migliori idee per le Feste

Calendario Pirelli, ecco il cast di “Giuliette” per il 2020