Chiusura totale e confinamento, sono questi alcuni sinonimi della parola inglese lockdown, ormai usatissima in tempi di Covid. Scopriamolo cosa significa!

Quando si parla di chiusura totale, di quarantena o di confinamento si parla anche di lockdown. Ormai questa parola è molto diffusa in tutto il mondo, e anche in Italia, vista la proliferazione del virus del Covid-19 che ha portato alla chiusura totale dell’Italia dal mese di aprile a maggio 2020, più una seconda, per alcune Regioni, nel mese di novembre. Qual è, però, l’origine e il vero significato di questo termine? Spesso essa è stata usata per indicare un preciso concetto… Scopriamo qual è facendo anche degli esempi d’uso!

Il significato e la traduzione di lockdown

Il termine lockdown (che si può anche scrivere in inglese lock down) indica, nei paesi anglosassoni ma anche negli altri, un procedimento di emergenza che non permetta a persone, mezzi o informazioni di uscire da un determinato luogo. Per fare un esempio, la quarantena da Covid-19 ha fatto sì che le persone non possano uscire di casa a meno di bisogni necessari, con anche molti negozi chiusi, per evitare la diffusione della malattia.

Lockdown Covid
Lockdown Covid

Ovviamente questa parola non viene solo usata nelle emergenze sanitaria, ma può essere utilizzata per proteggere persone all’interno di una struttura o anche da un sistema informatico per prevenire eventuali minacce da questo punto di vista.

Insomma, quando si vuole bloccare un determinato luogo, affinché non ci siano persone o mezzi, si esegue il lockdown, che è la cossidetta “chiusura totale” di un’area delimitata. Un altro esempio per questo è da trovare nella scia degli attacchi dell’11 settembre 2001 a New York City, dove fu dichiarato il lockdown aereo in tutto lo spazio civile nazionale degli Stati Uniti.

Cosa significa lockdown regionale

Nel mese di novembre del 2020, con il DPCM del governo del premier Giuseppe Conte, è stata fatta una suddivisione delle Regioni italiane in base a diversi fatti epidemiologici, basata sull’indice Rt tra le altre cose, in zone: rosse, arancioni e gialle. Nelle zone rosse è stato messo in atto un lockdown regionale, se così si può dire, ovvero che la chiusura totale (o quasi) era riferita solo per quella data Regione. Un altro modo di esprimere questo concetto è usare il termine “lockdown locale” che delimita la chiusura ad alcuni luoghi particolari.

Altri esempi di questo genere non ce ne sono mai stati, ma questa parola si può anche confrontare con “zona rossa“, che sta a indicare la zona dove è in atto un lockdown o una quarantena. Ci sono esempi, però, sempre legati al Covid-19 in altre parti del mondo, come la Danimarca ad esempio.

Esempi d’uso di lockdown

Ecco alcuni esempi di titoli di giornale che hanno fatto uso di questo termine, che ormai è entrato nel linguaggio comune italiano:

Cina, lockdown a città dell’Heilongjiang” da Ansa.it dell’8 aprile 2020.

Coronavirus, Wuhan esce dal lockdown e ritornano gli abbracci (con mascherina)” da TgCom24.it dell’8 aprile 2020.

Covid e visoni, lockdown regionale in Danimarca” da Adnkronos.com del 5 novembre 2020.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19

TAG:
cosa significa

ultimo aggiornamento: 08-04-2020


Coronavirus, Delta Pictures lancia la raccolta fondi per l’Ospedale Regina Margherita

Hai già avuto COVID-19? Come riconoscerne i sintomi