Si sente parlare spesso di dress code, una parola inglese ormai entrata nel linguaggio comune italiano; ma cosa significa?

Cosa si intende quando di parla di dress code? Soprattutto quando si è invitati a un matrimonio un po’ particolare, oppure se si accetta un posto di lavoro in un’azienda prestigiosa, si può aver sentito questo termine. Ma cos’è?

Il dress code è un insieme di regole che stabiliscono come una persona deve vestirsi in un determinato contesto. Queste regole possono essere scritte o anche tacite, ma riguardano in tutto e per tutto l’abbigliamento. Mi raccomando che la parole si scrive staccata, e non “dresscode” tutto attaccato.

  • Origine: lingua inglese
  • Dove viene usato: ovunque, in contesti di gruppo
  • Diffusione: globale

La traduzione di dress code in italiano

La traduzione letterale di dress code è codice di abbigliamento, che mantiene lo stesso significato.

La storia del dress code

Il termine dress code lo si può far risalire fino agli albori della civiltà umana: da sempre l’umanità ha adottato regole sociali per quanto riguarda l’abbigliamento, anche in base all’estrazione sociale, alla professione, alla religione e in molti altri contesti. Ovviamente questo fatto è manifesto e fa parte del senso comune, quindi le persone non ci fanno caso, almeno fino a quando queste regole non sono trasgredite.

Casual Friday
Casual Friday

Ai giorni nostri, invece, si parla di dress code quando si viene invitati a un evento particolare, in cui, appunto, è previsto un codice di abbigliamento prestabilito; o anche in alcuni ambienti lavorativi, dove è obbligatorio vestirsi in un certo modo già stabilito dall’azienda.

Esempi d’uso

Quante volte è capitato di ricevere un bigliettino di invito a un evento, un matrimonio o una serata con la regola del dress code? Che, secondo il galateo, deve essere comunicato “attraverso una dicitura in basso a sinistra negli inviti”.

Un altro esempio è per quanto riguarda i funerali: ovviamente in questo contesto è doveroso, e non manifesto, anche se fa parte della coscienza e del rispetto comune, usare abiti dai colori scuri e non dalle tonalità sgargianti. Questo è un esempio di dress code non manifesto.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-07-2019


Le vacanze esclusive esistono ancora? Sfatiamo questo mito!

Anche Chiara Ferragni preoccupata: toglieranno il numero dei like da Instagram?