L’aggettivo atavico si presta a vari utilizzi ed espressioni comunemente adottate nel quotidiano. Ecco quale significato bisogna conferirvi.

Di tanto capita che in un discorso salti fuori la parola atavico. Ma cosa vorrà mai dire? Cerchiamo di vederci chiaro sulla giusta accezione da attribuire alla parola, talvolta oggetto di dubbi e fraintendimenti.

  • Origini: dal greco àtavus
  • Dove viene usato: per indicare qualcosa di relativo agli antenati, da loro derivante.
  • Lingua: italiano.
  • Diffusione: nella sociologia.

Il significato di atavico

Per atavico si intende un qualcosa di risalente agli avi o da essi derivante, molto lontano nel tempo, che discende, appunto, come fattore ereditario. Nel senso stretto è traducibile con “relativo agli antenati, che deriva dagli antenati”. Sul piano etimologico, proviene dal latino àtavus, bisarcavolo, e nel plurale, atàvi, proavi, antenati. In senso lato può rimandare a un tratto antico, remoto, primigenio. Una delle espressioni più comunemente adottate è “ho una fame atavica”, dove l’aggettivo in modo figurativo sta per “molta”, perché affonda le radici a parecchio tempo fa.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Bonus baby sitter per i nonni
Bonus baby sitter per i nonni

In una famiglia può essere atavica la professione (che di generazione in generazione può, ad esempio, portare avanti l’attività di medico o di avvocato). Oppure può risultare tale la paura dei ragni, del buio, e in generale di qualunque cosa trovi spiegazione in un bisogno evolutivo

In biologia, si dice atavico pure quanto attiene al fenomeno dell’atavismo: nella banca-dati del nostro DNA permangono talune informazioni attinenti agli stadi precedenti del processo evolutivo. Si pensi a quando, per qualche ragione, un individuo nasce con caratteristiche scomparse da millenni quali una coda vestigiale grandi denti da primate. Atavico, l’antonomasia del bisarcavolo, è un sinonimo di ancestrale: entrambe sono utilizzabili nei medesimi contesti e per riconoscere quella migliore subentra una forte componente soggettiva. 

Esempi d’uso

Ecco qualche esempio d’uso in casi pratici:

“È questo il male storico e atavico della città”.

“Via alla nuova soluzione per risolvere l’atavico problema dei troppi infortuni”.

TAG:
cosa significa

ultimo aggiornamento: 12-06-2021


Monete da 1 euro rare: quali sono quelle che cercano i collezionisti

Promessa di matrimonio: di cosa si tratta, significato e perché è importante