Controindicazioni della dieta vegana

Tutte le controindicazioni della dieta vegana: un cambio drastico nelle abitudine alimentari può portare a seri scompensi per l’organismo.

chiudi

Caricamento Player...

Chi segue un regime alimentare vegano si ritrova a dover eliminare in modo drastico la maggior parte dei nutrienti a cui è abituato. Questo cambiamento non fa bene all’organismo perché si rischia di creare dei gravi scompensi. Per evitare che ciò avvenga bisogna sempre rivolgersi a un esperto o a un dietologo per affrontare al meglio questo percorso. Il veganismo è una scelta di vita, non un’esigenza per la propria salute, quindi bisogna fare attenzione alle scelte che si intraprendono. Vediamo quali sono tutte le controindicazioni della dieta vegana.

Controindicazioni della dieta vegana: un eccessivo consumo di proteine e di carboidrati può causare dei problemi alla salute.

Quando si segue una dieta vegana la prima cosa che si elimina è la carne. Questo vuol dire che una buona fonte di proteine viene esclusa dalla propria alimentazione. Non si può, dunque, pensare di sostituirla come ci pare e piace. Molte persone fanno il pieno di prodotti vegani ricchi di proteine per compensare la carne, ma causano solo un sovraffaticamento dei reni.

Inoltre, molti prodotti vegana deriva dai farinacei, come ad esempio il seitan che viene prodotto dal glutine del grano. Questo lo rende, dunque, un’alternativa nulla per i soggetti celiaci. Inoltre, l’alto contenuto di carboidrati può portare a sovrappeso e gonfiore addominale. Per questo motivo è importante bilanciare il tutto con verdura e sali minerali. Infine, molto spesso accade che chi intraprende una dieta vegana si trovi improvvisamente senza forze. Le cause di questa situazione sono dovute a una cattiva alimentazione dove non si è stati in grado di bilanciare la propria dieta. Non si può pensare di eliminare in modo drastico degli alimenti che il nostro corpo era abituato ad assumere.