I migliori consigli per iniziare acqua zumba: ritrovare la forma fisica divertendosi in acqua a suon di musica.

L’estate si avvicina e desiderate un corpo tonico e bello? Approfittate dell’arrivo delle belle giornate per un tuffo in piscina e un po’ di allenamento in acqua grazie alle nuova disciplina che sta conquistando uomini e donne: l’acqua zumba. Si tratta di uno sport che aiuta a dimagrire, bruciare grasso in eccesso e tonificare divertendosi a ritmo di musica. Se volete rilassarvi e tornare in forma ecco alcuni consigli per iniziare acqua zumba.

Consigli per iniziare acqua zumba, la nuova disciplina più amata dagli sportivi che unisce musica e movimenti in acqua.

L’acqua zumba è uno sport che va bene per tutti e a qualsiasi età. A seconda della preparazione fisica, dell’età e delle esigenze che si hanno si possono svolgere determinate lezioni ed esercizi con una certa frequenza settimanale. Se si è già frequentatori assidui di piscine o palestre potete pensare di dedicare all’acqua zumba dalle tre alle quattro lezioni settimanali e fare una full inmersion in questa disciplina. Diversamente potrete integrare quest’attività a quella che già praticate. L’importante è riuscire ad alternare sempre un giorno di attività con uno di riposo. Se invece siete alle prime armi con lo sport procedete per gradi. È indispensabile approcciarsi gradualmente a questa disciplina, poiché è vero che ci si diverte e si ha la sensazione di stancarsi idi meno, ma lo sforzo che si effettua è notevole. In solo un’ora di lezione si possono bruciare fino a 400 calorie. Questo comporta quindi anche un adeguamento della dieta. Bruciando molte più calorie e consumando vitamine e sali minerali bisogna assolutamente reintegrarli con tanta frutta e verdura e assumere più carboidrati. Il segreto per un allenamento di successo è non eccedere ne strafare, altrimenti si rischia di sovraccaricare il corpo creando solo l’effetto opposto.

 

Fonte immagine copertina: Pagina ufficiale Zumba

7 minuti al giorno per un corpo da favola!


Vanessa Incontrada, come seguirla sui social

Alla ricerca di Dory: che pesce è Nemo