La cantante è protagonista di alcune polemiche da parte di fan per una protesta a Miami organizzata dal gruppo Vigilia Mambisa che hanno rotto i suoi cd con un rullo compressore.

Completamente inaspettata la protesta che vede coinvolta Laura Pausini. La cantante è stata presa di mira da un gruppo di fan che protestano contro la cantante a Miami. Come se non bastasse hanno distrutto i suoi cd su un rullo compressore. La Pausini ha rotto il silenzio commentando quanto accaduto.

Perchè Laura Pausini è stata presa di mira dai fan a Miami

Messaggi di disapprovazione e di vero odio contro Laura Pausini che si è vista colpita da una polemica inaspettata. A Miami, il gruppo anti-castrista Vigilia Mambisa sta portando avanti da giorni una protesta contro la cantante, i cui video sono diventati virali.

Ecco il video:

Il motivo, secondo quanto riporta Today, sarebbe legato a un viaggio della Pausini a Cuba dove si è fatta immortalare insieme con alcuni membri del controspionaggio cubano. Le forze di spionaggio avrebbero dunque, violato i diritti civili della popolazione. Per questo motivo gli esuli cubani a Miami non hanno visto di buon occhio la foto sorridente che la cantante avrebbe fatto con questi membri.

Dopo alcune ore però, arriva anche la risposta della Pausini che, come riporta Gossip e Tv, replica al commento: “Sei andata a cuba per supportare la dittatura” con: “Ah quindi chi va a Cuba alimenta la dittatura? Non sapevo che funzionasse così. E allora se vieni in Italia che cosa alimenti? La pizza?

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Laura Pausini

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 27-05-2022


Dua Lipa cade sul palco durante un concerto a Milano: ecco come sta la cantante

Claudio Lippi: “Dopo l’addio a Buona Domenica non ho più lavorato. Me ne andai perché…”