Come usare l’olio di merluzzo

Come usare l’olio di merluzzo, l’estratto di fegato della specie Gadus

chiudi

Caricamento Player...

L‘olio di merluzzo, estratto dal fegato del pesce della specie Gadus, è un prodotto utilizzato tantissimo nel periodo della Guerra per sostenere i bambini affetti da carenze nutritive a causa della conseguente povertà dell’epoca. L’olio di merluzzo, ancora oggi, però, si rivela un efficace trattamento per rafforzare le difese immunitarie del nostro organismo soprattutto in inverno quando il corpo è maggiormente esposto agli agenti esterni. Senza dimenticare il fatto che questo prodotto si rivela molto utile anche per contrastare l’osteoporosi e l’artrosi, oltre a rafforzare i capelli, le unghie e prevenire le forfora e l’acne per i più giovani.

Come usare l’olio di merluzzo in maniera efficace

L’olio di merluzzo può essere usato sia in forma naturale che come integratore. Acquistabile nelle parafarmacie e nelle erboristerie più fornite, l’olio di merluzzo al naturale andrebbe assunto in piccole dosi. Parliamo di un cucchiaino al giorno al mattino, magari insieme ad una fettina di limone per contrastare il non proprio piacevole sapore di pesce. Alternativamente, potrete scegliere di assumere l’olio di merluzzo come integratore sotto forma di pillole o compresse che celeranno lievemente lo sgradevole sapore di pesce. Ricordate però di verificare, per quanto riguarda l’olio di merluzzo in compresse o pillole, la concentrazione di vitamina A e D. Un consumo eccessivo di tali vitamine produrrebbe l’effetto inverso di danneggiare il nostro organismo.

Come usare l’olio di merluzzo per ottenere dei benefici per l’organismo

Può essere usato per una grande varietà di motivi: alleviare l’artrite, il dolore associato, la rigidità degli arti, prevenire le malattie delle arterie, gestire la pressione del sangue, migliorare i livelli di colesterolo e trigliceridi. L’importante è sapere sempre con attenzione che cosa si sta assumendo per prevenire eventuali effetti collaterali, legati soprattutto al consumo eccessivo di vitamina A e D.