Se dopo il parto avete intenzione di donare il cordone ombelicale del vostro bambino, scopriamo insieme come funziona la procedura e cosa dovete fare.

La scelta di donare il sangue del cordone ombelicale dopo il parto è sicuramente un fattore decisamente positivo, che potrebbe addirittura rappresentare una speranza di vita per altre persone affette da patologie anche gravi. Infatti il cordone ombelicale contiene cellule staminali omopoietiche, ottimali per la cura di malattie come leucemia, linfomi, immunodeficienze e molto altro. Ciò che rende così fondamentale il cordone ombelicale è il fatto che esso contiene molte più cellule staminali rispetto al midollo, un elemento di fondamentale importanza. Ricordiamo che il trapianto di staminali è in grado di ripristinare l’assenza di globuli bianchi, globuli rossi e piastrine.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Il prelievo del sangue del cordone ombelicale, inoltre, è un procedimento molto semplice e innocuo, anche per questo molto consigliato. Per quanto riguarda la procedura, viene prelevato al momento del parto, poco prima dell’espulsione della placenta, una volta che il cordone è già stato reciso.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-06-2015


Costi utero affitto in California

Modelli scarpe per gonna a ruota