Orto verticale: la soluzione ecologica e salva-spazio sul terrazzo

Tutti ne parlano, ma ancora non l’avete fatto? Non aspettate oltre e create un orto verticale direttamente a casa – seguendo i nostri consigli!

È sempre più di moda la coltivazione in proprio, soprattutto negli ultimi anni in cui c’è una maggiore attenzione all’ecologia e al rispetto dell’ambiente. Se non avete molto spazio, ma volete anche voi creare il vostro orto verticale non vi preoccupate: ci siamo qui noi! In pochi passaggi e con alcuni materiali di recupero potrete creare il vostro orto in breve tempo.

Preparatevi e seguite tutti i nostri consigli: da quali piantine scegliere fino all’assemblaggio!

Orto verticale: da dove iniziare?

Per realizzare il vostro progetto dovete innanzitutto trovare il posto più adatto: per comodità non deve essere un luogo troppo di passaggio o eccessivamente stretto, per evitare di rendere ancora più piccolo lo spazio a disposizione. Inoltre, sarebbe meglio scegliere una postazione non troppo soleggiata, per evitare che le piante patiscano il caldo, soprattutto nella stagione estiva.

Una volta decisa la collocazione ottimale, recuperate in casa tutti quegli oggetti che ormai non utilizzate più: vecchi porta vasi o barattoli di metallo, bottiglie di plastica, stivali di gomma, borse di plastica dura ormai rovinate e così via. Qualsiasi oggetto potrà andare bene, l’importante è che sia impermeabile e abbastanza resistente. Per evitare sprechi, comunque, è sempre consigliabile utilizzare degli oggetti di recupero, che ormai non utilizzate più, così da dargli una seconda vita.

Dovrete poi decidere quali piantine far crescere e questo non può che andare in base alla vostra dieta alimentare e ai vostri gusti. Per iniziare a cimentarvi in questa attività dal pollice verde potreste iniziare con le piante aromatiche, generalmente più resistenti e più facili da curare.

Tra gli ortaggi più semplici vi consigliamo l’insalata, i pomodori – di tantissime varietà e molto resistenti agli sbalzi di temperatura – i ravanelli, le zucchine e perchè no anche i peperoni. I più coraggiosi potranno provare anche con le fragole: richiedono molta attenzione e cura, ma daranno molte soddisfazioni una volta cresciute!

L’orto verticale fai da te: come realizzarlo

Una volta reperiti tutti i materiali di recupero, le piantine o i semi, la terra e lo stretto necessario per questo progetto, sarete pronti per assemblare il vostro orto verticale! Saranno necessari dei supporti per creare una struttura rigida e ben solida: la soluzione più comoda per l’orto verticale è con i pallet, reperibili gratuitamente nei negozi. In alternativa si possono fissare dei chiodi sui muri per appendere le coltivazioni più leggere, come le erbe aromatiche o l’insalata.

In ogni caso, basterà riempire i contenitori con la terra e le piantine, fissare gli oggetti ai sostegni e annaffiare con cura le nuove coltivazioni. Vi consigliamo comunque di monitorare per un primo periodo la crescita delle piante, per verificare che non patiscano l’esposizione solare o l’ombra; in alternativa, siete sempre in tempo per spostarle al posto di qualche altro ortaggio!

Se vi piacciono queste idee green e avete ancora più spazio a disposizione potete anche pensare di fare un orto in un metro quadrato!

Fonte foto in copertina: https://pxhere.com/it/photo/717165

ultimo aggiornamento: 13-05-2019

X