Lo zenzero rosso arreda il giardino ed è utile in cucina: vediamo insieme come coltivarlo in casa e mantenerlo in salute

Lo zenzero è una pianta medicamentosa, utile in cucina, esteticamente piacevole e idonea ad abbellire il nostro giardino.

È un’erbacea perenne che si coltiva da oltre 3.000 anni, ha un fusto dritto senza rami, le foglie appuntite e i fiori a forma di spiga.

Facile da coltivare in casa, lo zenzero normalmente è esente da parassiti o altre malattie e con poche cure cresce bene, soprattutto in vaso. Ha bisogno di stare al riparo dal vento in un’esposizione soleggiata o a mezz’ombra.
Lo zenzero prima di essere piantato deve stare in acqua calda per circa 12 ore, poi può essere messo a dimora in vaso, preferibilmente in primavera, su un fondo di argilla espansa coperta da terra soffice.

Non va innaffiato spesso, soprattutto all’inizio, ma soltanto quando compaiono i primi germogli e il terreno è asciutto.

Lo zenzero non sopporta il freddo, quindi in autunno e in inverno è bene metterlo in un luogo protetto e riparato in giardino, o in casa, meglio se  vicino ad una fonte di luce.

Al termine del primo ciclo di crescita, che dura circa 5 mesi, è già possibile raccogliere lo zenzero per usarlo in cucina come spezia.

Basta scavare con delicatezza il terreno e recuperare i rizomi, cioè le radici carnose e sotterranee, lavarle, pulirle dalle radici secondarie e asciugarle.

Potremo utilizzare lo zenzero a Natale per preparare ottimi biscotti o per una buona tisana digestiva dopo le abbuffate dei giorni di festa.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Quanto pesa Klaudia Pepa, ballerina Amici 15

Ogni quanto fare impacchi olio per capelli