Una città da sogno

La capitale delle favole, come viene definita da chi l’ha visitata è una città forse poco conosciuta ma che sta aumentando negli ultimi anni i suoi visitatori incantati dai paesaggi e dai luoghi di interesse.

5 cose da fare nella città

Una delle attrazioni da non lasciarsi scappare sono le Casematte del Bock, costruite nel 1644, sono scavate direttamente nel promontorio roccioso e dichiarate dall’UNESCO patrimonio dell’umanità.

In vacanza c’è sempre tempo da dedicare agli acquisti, la Gran Rue è sicuramente il posto giusto; situata nel centro storico pedonale offre una serie di negozi e boutique con prodotti anche tipici e della tradizione, senza dimenticare che gli atelieur di marchi come Vuitton e Cartier risiedono a Lussemburgo.

Grande spazio per la cultura con tanti musei e luoghi da visitare come la cattedrale di Notre Dame, il rinascimentale palazzo Granducale, musei come il Mudam o il museo di storia e arte.

Le terme di Lussemburgo sono un luogo dove lasciarsi coccolare e abbandonarsi al benessere, situate leggermente fuori dalla città, offrono una vasta gamma di servizi spa.

La valle dei Vini è un percorso suggestivo e particolare fra le vallate e le montagne rocciose di una natura incontaminata, che rivela spesso architetture in pieno stile medievale, con castelli e costruzioni che raccontano una storia antica di dinastie e nobili, una storia che vive in perfetta armonia con la natura moderna dei grandi grattacieli.

Il percorso, da effettuare preferibilmente nel periodo della vendemmia si articola fra vallate con distese di coltivazioni di viti e cantine. Inoltre in paese esistono tre dei più grandi birrifici.

Un ultimo capitolo da dedicare alla cucina del Lussemburgo che risente del sapore francese, tedesco e belga a cui si sono aggiunti spunti portoghesi e italiani; i piatti tipici sono judd mat Gaardebounen, carne di maiale e fave, lëtzebuerger grillwurscht, salsicce speziate e gromper keeschelche, crepès fritte con olio, cipolle e prezzemolo.

 


Svantaggi del farro

Elisa Isoardi, come seguirla sui social