Sono tante le persone, nel mondo, che hanno problemi di pressione bassa. Secondo la nutrizionista e biologa Santini bisogna fare attenzione anche a quello che si mangia.

Molto spesso il nostro corpo ci manda dei segnali di cedimento. La pressione bassa, infatti, rientra tra questi. Molto spesso possiamo sentirci senza forze, deboli e con un abbassamento della vita ma quale potrebbe essere il motivo?

Pressione bassa? State attenti all’alimentazione

La pressione bassa, come ha raccontato anche la biologa e nutrizionista Simona Santini, in un’intervista rilasciata a Vanity Fair, può essere dovuta a diversi fattori. Da un lato ci sono quelli di natura fisiologica dall’altro può essere dovuta anche all’assunzione di farmaci come diuretici. Ma c’è un altro fattore che può influenzare la pressione bassa ed è l’alimentazione.

Va specificato, però, che l’abbassamento di pressione può essere determinato anche da alcune condizioni come una gravidanza.

“Soffrire di pressione bassa, in particolare nei primi tre mesi di gestazione, è molto comune. [..] Chi ha l’abitudine di bere poca acqua ha più probabilità di avvertire malesseri e disturbi. Nella stagione estiva la disidratazione infatti è uno principali fattori di rischio. [..] La regola base da seguire a tavola per prevenire l’abbassamento della pressione dunque è bere tanta acqua e dare priorità nei diversi pasti della giornata ai nutrienti giusti”.

Stanchezza
Stanchezza

I cibi contro la pressione bassa

Quali sono allora i cibi – nostri alleati – che possono aiutarci a combattere la pressione bassa? Per prima cosa è indispensabile mangiare in modo sano e corretto e preferire sempre verdura e frutta di stagione. La stessa Santini, infatti, ha ammesso:

“Verdure e frutta sono un’ottima fonte di potassio e magnesio che hanno proprietà toniche. Il primo svolge un ruolo fondamentale nella modulazione della pressione sanguigna. Il magnesio, invece, partecipa alla trasformazione degli zuccheri in energia e aiuta a stare alla larga dai disturbi circolatori.

Importante, inoltre, è introdurre nell’organismo anche la giusta quantità di ferro, contenuto nella carne rossa, nel pesce e soprattutto nei legumi. Ovviamente, però, non bisogna mangiare sempre gli stessi cibi, ma attenersi a una dieta equilibrata e variegata. Importante, inoltre, anche la vitamina C contenuta in tantissimi alimenti tra cui limoni e kiwi.

Scopri le regole da seguire in caso di contatti stretti con persone positive al Covid 19


Low Shampoo, il nuovo trend del lavaggio dei capelli senza schiuma

Covid-19, le conseguenze sulla nostra psiche hanno un nome: ansia da limbo