Tiziana Russo, sorella di Marta Russo, ha raccontato la storia della giovane studentessa uccisa nel maggio 1997 con un colpo di pistola mentre camminava in un vialetto dell’Università La Sapienza di Roma…

Vent’anni senza te è il titolo del libro che Tiziana Russo ha dedicato alla sorella Marta Russo, uccisa nel 1997 a La Sapienza. Una tragedia in cui si intrecciano ancora oggi fitte trame di domande senza risposta, un dramma che ha sconvolto la sua vita e l’Italia intera in modo indelebile. Scopriamo chi è Tiziana Russo, dentro e oltre i riflettori della cronaca.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Chi è Tiziana Russo e dove vive?

Tiziana Russo è nata il 12 maggio 1972 sotto il segno del Toro, e il suo compleanno coincide con il giorno precedente alla morte della sorella Marta Russo, colpita il 9 maggio da un proiettile alla testa in quello che, nelle cronache, sarebbe stato ricordato per sempre come il delitto della Sapienza. Insieme ai loro genitori, Donato Russo e Aureliana Iacoboni, Tiziana Russo si è sempre battuta per avere giustizia dopo l’atroce fine dell’amata sorella che si spense il 13 maggio 1997.

Il dramma di Marta Russo è oggetto di un documentario intitolato Marta – Il delitto della Sapienza, una coproduzione Rai Documentari e Minerva Pictures prodotta da Gianluca Curti e Santo Versace per la regia di Simone Manetti. Scritto da Emanuele Cava, Gianluca De Martino e Laura Allievi, racconta la storia con gli occhi della studentessa 22enne attraverso le pagine dei diari, scritti dalla stessa Marta tra il 1985 e il 1996, ritrovati dalla sorella Tiziana Russo a distanza di qualche tempo dal delitto. 700 pagine, scritte in 11 anni, e cristallizzate in 9 quaderni densi di pensieri e riflessioni sull’esistenza e sul suo presente.

Voleva laurearsi per difendere i più deboli, era determinata, una studentessa modello. Poter mostrare al pubblico i suoi diari è l’occasione per far uscire l’immagine di Marta dal caso di cronaca nera e farla diventare, una figlia, una sorella, un’amica“, ha spiegato Tiziana Russo a Famiglia Cristiana. Tiziana Russo vive e lavora a Roma ed è rimasta figlia unica da quel tragico 13 maggio 1997.

La vita privata di Tiziana Russo

La vita privata di Tiziana Russo e della sua famiglia è stata segnata per sempre dalla morte della sorella, Marta Russo, uccisa nel 1997 con un colpo di pistola alla testa mentre si trovava a camminare lungo un viale della Sapienza in compagnia di un’amica.

Era la mattina del 9 maggio quando un proiettile colpì Marta Russo alla nuca. Dopo quasi 5 giorni di coma, il 13 maggio, la studentessa morì. Per l’omicidio furono condannati Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro, ritenuti rispettivamente assassino e complice e condannati a 5 anni e 4 mesi il primo (per omicidio colposo) e a 4 anni e 2 mesi il secondo (per favoreggiamento).

Quando Marta Russo era in coma, la sorella Tiziana contattò Eros Ramazzotti per cantarle la sua canzone preferita, L’Aurora, ma non fece in tempo.

Chi è il marito di Tiziana Russo?

Il marito di Tiziana Russo è Arnaldo Funaro. Si sono sposati nel 2008, anni dopo il primo incontro all’Università mentre lei studiava Archeologia e lui Storia medievale. Classe 1975, un master in copywriting, Arnaldo Funaro dipinge così il suo autoritratto sul sito maxxi.art: “Credo che l’unico modo per arrivare da qualche parte sia non sentirsi mai arrivati. Il mio cammino mi ha portato dall’Armando Testa alla TBWA passando per JWT, la direzione creativa nel Gruppo Roncaglia e la responsabilità dei social network in Alitalia. Sono nato copywriter, ma il digital mi ha dato una seconda vita, poi una terza e una quarta: insomma una vita nuova ogni giorno, dove entro sempre in punta di piedi per vedere meglio cosa c’è dopo“.

Il loro amore è sbocciato tra i libri di una biblioteca, e la loro storia è stata raccontata da Cristina Parodi a La Vita in diretta, con un focus sulla loro decisione di adottare un figlio dopo il matrimonio: “Hanno nel cuore il desiderio di un bambino, ma le cose si complicano e tutto non va come sperato. Cosi i due pensano ad una cosa che cambierà le loro vite e che avevano in mente da sempre: l’adozione. È cosi che si affidano ad un ente e arrivano in Cina per conoscere la loro figlia Chen Ya, ovvero Alba Elegante, nome a cui hanno aggiunto Mia“.

Tiziana Russo e suo marito hanno scritto insieme un piccolo libro, Le morti di Martacomposto da 25 pagine che raccontano 10 storie. Soltanto una è vera e a parlare, in prima persona, è Marta. I proventi sono stati destinati all’Associazione Marta Russo Onlus attraverso la quale i genitori Aureliana e Donato Russo portano avanti in Italia la campagna di sensibilizzazione per la donazione degli organi.

Fonte foto: https://it.wikipedia.org/wiki/File:Marta_Russo.jpg, https://it.wikipedia.org/wiki/File:Marta_Russo_scena.jpg

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 09-11-2021

Pino Donaggio: chi è il cantautore, la storia tra musica e vita privata (e 5 imperdibili curiosità)

Roberto Parli: 4 curiosità sull’ex marito di Adriana Volpe