4 cose da sapere su Sebastian Melo, giovane ballerino di Amici

Sebastian Melo è uno dei talenti più promettenti di Amici 2017, dove mira alla vittoria con i bianchi nella categoria danza. Scopriamo insieme qualche piccola curiosità sul givoanissimo ballerino.

chiudi

Caricamento Player...

Sebastian Melo Taveira è nato il 16 febbraio 1999 a Vigevano, Pavia e nonostante sia ancora minorenne è già uno dei talenti più promettenti di Amici, dove mira alla vittoria nella squadra dei bianchi. Si approccia al mondo della danza sin da quando era piccolo. La madre gli propose di iscriversi a danza per fargli provare qualcosa di diverso, mentre suo padre è venuto a mancare da quando era poco più che neonato. Sebastiàn e la mamma vivono insieme a Roma. Appassionato di hip-hop, Sebastian ha studiato danza classica, ma ha anche preso lezioni di moderno, di break dance e acrobatica.

Sebastian Melo, dal basket all’amore per la ballerina… 4 curiosità su di lui

  • Dal 2013 Sebastian è fidanzato con Greta Mirabelli, anche lei ballerina. I due vivono però una relazione a distanza, visto che Sebastian vive a Vigevano.
  • A consigliargli di prov10are ad accedere ai casting di Amici 2017 è stato Garrison. Quest’estate, infatti, Sebastian e il suo gruppo parteciparono ad una gara di ballo nella quale figuravano come insegnanti sia Garrison che Alessandra Celentano. Il coreografo americano accortosi del gran talento del ragazzo gli consigliò di provare ad entrare ad Amici.
  • Il sogno di Sebastian è quello di volare in America e di entrare a far parte di qualche famosa compagnia di ballo a Los Angeles.
  • Prima di diventare ballerino, Sebastian era un giocatore di basket.

Sebastian Melo e la perdita del padre

Sebbene ancora molto giovane, come accennato, il ballerino ha dovuto affrontare quand’era un neonato la morte di suo padre, avvenuta a causa di un incidente stradale. Da allora ha vissuto soltanto con sua mamma. Sul sito di Amici si legge che “la precoce perdita del padre è stata la conseguenza della sua grande sensibilità e timidezza”. Un lutto sicuramente difficile da gestire per quello che è ancora un ragazzino, fortunamente circondato da tante persone che lo amano.