Stuprò e uccise brutalmente almeno 33 ragazzini seminando il terrore nell’America anni ’70. La sua storia di assassino seriale resta tra le più scioccanti di sempre e ha ispirato un celebre libro horror: ecco chi era John Wayne Gacy.

John Wayne Gacy, noto come il “serial killer clown“, è uno dei criminali più sanguinari di tutti i tempi. La sua storia ha ispirato il romanzo cult It, successo intramontabile a firma di Stephen King che ha dominato gli incubi di milioni di lettori nel mondo. Lui seminò il terrore nell’America degli anni ’70 uccidendo brutalmente almeno 33 persone, ragazzini a cui avrebbe rivolto la sua insaziabile furia omicida finendo per diventare uno degli assassini più famosi di tutti i tempi.

Chi era John Wayne Gacy e dove viveva?

John Wayne Gacy, nato a Chicago il 17 marzo 1942, sotto il segno dei Pesci, è morto in carcere a Crest Hill, il 10 maggio 1994, in costanza della detenzione per gli atroci crimini commessi. È stato un serial killer statunitense tra i più temuti e noti, soprannominato “killer clown” e titolare di un curriculum criminale spaventoso.

Avrebbe rapito, seviziato, stuprato e infine ucciso 33 adolescenti maschi e di questi, secondo la ricostruzione, ben 28 sarebbero stati da lui seppelliti sotto la sua casa di Chicago (viveva in una periferia tranquilla della città) o occultati in cantina. Orrori che si sarebbero consumati tra il 1972 e il 1978, anno della sua cattura…

La vita privata di John Wayne Gacy

Nella sua vita privata, prima dell’età adulta e del matrimonio finito con la separazione, un’infanzia dificile. John Wayne Gacy era il secondogenito dei tre figli di John Stanley Gacy e Marion Elaine Robinson, genitori scomparsi rispettivamente nel 1969 e nel 1989. La sua esistenza sarebbe stata segnata da eventi traumatici e dalle continue violenze paterne. Bambino sovrappeso, durante la crescita avrebbe avuto anche diversi problemi di salute.

John Wayne Gacy è stato sposato due volte. La prima moglie del serial killer, Marlynn Myers, è stata con lui fino al 1969 (le nozze sarebbero state celebrate nel 1964) e gli ha dato due figli: Michael Gacy, classe 1967, e Christine Gacy, classe 1968. La seconda moglie di Gacy è stata Carole Hoff e il matrimonio sarebbe durato pochi mesi. Dopo il divorzio, l’attività criminale del serial killer sarebbe stata interessata da una notevole accelerazione con il compimento di numerosi delitti.

John Wayne Gacy “killer clown”

Il sinistro nome con cui è diventato famoso deriva dal fatto che, chiamato a intrattenere i bimbi durante alcune feste, si presentava mascherato da pagliaccio facendosi chiamare Pogo il Clown. Sposato e molto socievole, John Wayne Gacy era il perfetto insospettabile che per anni avrebbe seminato sangue e terrore all’ombra della sua identità di cittadino comune.

It pagliaccio serial killer
It pagliaccio serial killer

Il processo a suo carico, accusato dell’omicidio di 33 ragazzini, si sarebbe concluso con una condanna a morte. Il serial killer fu giustiziato, dopo 13 anni nel “braccio della morte”, nel penitenziario di Crest Hill con iniezione letale. Era il 10 maggio 1994 e la sua storia avrebbe fatto il giro del mondo fino a diventare uno dei capitoli più terribili delle cronache su scala mondiale. Ma non solo: il percorso criminale di John Gacy avrebbe fatto da traino all’oscura paura del “pagliaccio assassino” nell’immaginario collettivo di varie parti del pianeta.

4 cose che forse non sai sul serial killer John Gacy

Stephen King ha tratto ispirazione dalla figura di John Wayne Gacy per creare il personaggio chiave della sua carriera, il malvagio clown assassino Pennywise protagonista del suo celeberrimo romanzo It datato 1986.

– Nell’episodio di South Park intitolato “Inferno sulla terra 2006”, compare sotto forma di cartone animato con altri due serial killer statunitensi: Ted Bundy e Jeffrey Dahmer.

– Uno dei membri del gruppo Marilyn Manson usò il nome d’arte “Madonna Wayne Gacy”, creato unendo il nome della popstar con quello del serial killer.

– Secondo la leggenda, le sue ultime parole prima dell’esecuzione sarebbero state “Kiss my a**” (“Baciatemi il c**o“).

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-10-2022


Chi è Gianmarco Petrelli, il ballerino hip hop di Amici 22

Biagio Izzo: scopri il vero volto del comico in 8 curiosità!