La nonna del piccolo Eitan ha accusato la zia paterna Aya di aver rubato i gioielli della figlia morta.

“Sono la nonna di Eitan,” afferma la donna nel servizio “E faccio di tutto per proteggerlo. Deve rimanere qui in Israele.”

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Etty Peleg Cohen, nonna materna di Eitan, ha denunciato alla polizia di Tel Aviv Aya Biran Nirko, zia paterna del piccolo. La denuncia di nonna Peleg si riferisce all’uso illegale di cellulari ritrovati nell’abitazione dei genitori di Eitan e anche al furto di gioielli, Ipad, macchine fotografiche e all’uso illegale dei contenuti del computer.

Zia Aya, da parte sua, ribadisce che la donna è sconvolta e non è in grado di ragionare lucidamente. “E’ un delirio,” avrebbe dichiarato la zia paterna.

Il futuro di Eitan

La causa è tuttora in corso in Israele. La famiglia, distrutta dalla tragedia, sembra incapace di trovare nella solidarietà una risposta al comune dolore. Si attende in questi giorni l’esito della sentenza tentata da zia Aya per la tutela legale del piccolo Eitan. La risposta del tribunale di Tel Aviv sulle sorti di Eitan, unico superstite della tragedia del Mottarone, dovrebbe avvenire a momenti.

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 18-10-2021

Catania, uccide la sorella e poi confessa: c’è il sospetto di una premeditazione

Milano: nascondeva il cadavere della madre in un armadio per intascarne la pensione