Quali sono le raccomandazioni sul consumo di caffè in gravidanza? Vediamo quali regole bisogna rispettare e a cosa occorre stare attente.

Sull’alimentazione in gravidanza ci sono diverse raccomandazioni da seguire che andrebbero rispettate per tutto il corso della gestazione. Da una parte si deve prestare attenzione alla cottura ed evitare il consumo di alcuni prodotti per ridurre i rischi di contaminazione da microrganismi. Dall’altra bisogna stare attente anche ad altre sostanze e non solo alimenti, che di norma sono assunte con tranquillità, come la caffeina. Quanto caffè in gravidanza si può bere e quali sono le accortezze da rispettare? Esistono accorgimenti specifici sulle quantità di caffè in gravidanza nel primo trimestre o sono valide per tutto il corso della gravidanza?

Caffè in gravidanza: perché va ridotto

Innanzitutto occorre precisare che per via dei cambiamenti nel metabolismo che si registrano durante il periodo della gestazione, la caffeina può avere effetti maggiori. Questo è uno dei motivi per cui si dovrebbe ridurre la quantità di caffè in gravidanza dal primo mese fino alla fine della gestazione. Un approccio moderato al consumo di caffè e altre bevande contenenti caffeina (come tè e bevande gassate) dovrà essere mantenuto anche durante l’allattamento al seno.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Caffè in gravidanza
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/rosso-donna-caffe-tazza-6957650/

La caffeina, inoltre, è anche in grado di attraversare la placenta, per cui non si possono escludere possibili rischi sul bambino. Allo stato attuale non è stata definita con precisione una soglia limite sulle quantità accettabili di caffeina. Tuttavia in genere ci sono delle raccomandazioni a cui possiamo attenerci per limitarne il consumo.

Quanta caffeina si può bere?

Secondo le raccomandazioni delle principali società di ginecologia come SIGO e AOGOI, la dose da non superare è di circa 200 mg di caffeina al giorno. A quanto corrisponde? Stiamo parlando di circa due caffè espressi al giorno, tuttavia occorre ancora una volta ricordare che la caffeina non è contenuta solo nel caffè. Proprio per questo motivo se si assumono altre bevande che la contengono si dovrà tenere conto della quantità totale di caffeina.

Caffè
Caffè

Se non si vuole rinunciare al tè pomeridiano, bisognerà limitare il consumo e attenersi quindi a una tazza di tè e una tazzina di caffè al giorno. Un metodo utile per ridurre le quantità di caffeina, senza dover rinunciare al piacere di una tazzina di caffè è di optare per il caffè decaffeinato in gravidanza.


Le cause del diabete infantile e come riconoscerlo dai sintomi

Belen realizza una capsule bebè con Original Marines dedicata a Luna