Il workplace bullying è una forma di violenza che colpisce gli ambienti lavorativi. Ecco di cosa si tratta nel dettaglio.

Viene definita un’epidemia fuori controllo che interessa oltre 7 dipendenti su 10 di ogni azienda, oltre 79 milioni di collaboratori sono negli USA; questi sono i dati del Workplace Bullying Institute. Parliamo del “workplace bullying”, un fenomeno che colpisce Stati Uniti ed Europa e di cui, però, non si parla quasi mai soprattutto in Italia, dove non ci sono studi sul tema. Ma anche se non si vede, il problema c’è ed è più grave di quanto si pensi. Sui social è molto sentito, circola infatti l’hashtag #workplacebullying che serve a raccontare e raccogliere tutti tutti i racconti sul tema. Nell’articolo spieghiamo di cosa si tratta e quali sono le soluzioni da adottare in azienda.

Bullismo nel lavoro: gli effetti

È una forma di bullismo che può includere abusi verbali, condotte offensive, intimidazioni o aggressioni. Conseguenze di questi comportamenti sociali sono danni fisici, angoscia mentale, assenteismo e rotazione dei dipendenti, bassa produttività e quindi anche danni all’azienda. Gli effetti psicologici sono devastanti, ansia e depressione sono problemi che si presentano con preoccupante evidenza e velocità in un mondo già molto orientato al lavoro e alla produttività a tutti i costi.

Bullismo
Bullismo

Workplace bullying: il responsabile d’azienda

La figura del responsabile d’azienda è diventata fondamentale. Il suo ruolo è di controllo e ascolto dei collaboratori a lui affidati, così da trovare soluzioni rapide che mantengano il benessere dell’ambiente di lavoro; è un punto essenziale per l’azienda e per le persone che fanno l’azienda. Ecco le parole di Beniamino Bedusa, presidente di “Great Place to Work Italia”, azienda che si occupa proprio di analisi del clima aziendale: “La pandemia ha ulteriormente rafforzato una problematica già esistente. All’interno di ogni workplace è fondamentale avere, anzi percepire un clima aziendale ed organizzativo produttivo e stimolante. Per questo motivo, i capi d’azienda sono e saranno sempre più importanti. I collaboratori necessitano di essere ascoltati: solo così è possibile trovare soluzioni mirate, tempestive ed efficaci per contrastare un fenomeno che si sta diffondendo a macchia d’olio in buona parte dell’universo professionale e lavorativo“.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 21-02-2022


Addio Green Pass e Stato di emergenza? Il piano di Draghi

Che numero di scarpe portano le star? Ecco le misure dalle più grandi alle più piccole