La nuova attrazione dedicata alla fiaba di Biancaneve riscuote critiche sull’onda del politicamente corretto.

La magia è tornata nel luogo più felice della Terra!” annuncia lo staff di Disneyland. O, meglio, così dovrebbe essere. Dopo una lunghissima chiusura straordinaria dovuta alla pandemia di Covid-19, Disneyland ad Anaheim, California, riapre i battenti pronta ad accogliere i suoi ospiti a braccia aperte. Peccato che il parco a tema Disney sia immediatamente entrato nell’occhio del ciclone a causa del rinnovo di una delle sue storiche attrazioni: “Snow White’s Scary Adventures”. La giostra dedicata alla fiaba di Biancaneve e i Sette Nani avrebbe ricevuto alcune critiche poiché ricalcherebbe esattamente il finale della storia: il Principe Azzurro sveglia la bellissima Biancaneve con un bacio, ma questo non sarebbe consensuale.

“Snow White’s Enchanted Wish”: critiche per la giostra di Biancaneve

Si chiamava “Snow White’s Scary Adventures” l’attrazione incentrata sulla storia di Biancaneve a Disneyland ed era una delle prime giostre ideate da Walt Disney in persona.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Biancaneve e i sette nani
Biancaneve

A partire dal 2020, l’attrazione è stata sottoposta ad un restauro a partire dal nome che si è trasformato in “Snow White’s Enchanted Wish”, ma sembra che il risultato finale abbia scontentato alcuni fan.

Come si vede dal video pubblicato dal canale ufficiale dei Disney Parks, la giostra riporta tutti i punti salienti della storia. La fuga di Biancaneve nel bosco, la malvagia Regina Cattiva, la miniera scintillante dei nanetti e le allegre danze nel cottage non potevano mancare. E per finire, il principe si china verso Biancaneve addormentata, dandole il “bacio del vero amore” per risvegliarla dall’incantesimo.

“Daremo finalmente a Biancaneve il lieto fine che merita, sarà lei al centro della storia”, spiega John Gritz, uno dei principali Imagineer a capo dei lavori.

“A rendere così eccezionale questa attrazione è il fatto che riporti al primo film animato di Walt Disney. Inoltre, è una delle attrazioni originali presente dal giorno dell’apertura di Disneyland” spiega la direttrice dei lavori Kim Irvine. “L’attrazione precedente raccontava una storia più spaventosa” prosegue (e come darle torto: chi di noi non ricorda la perfida strega cattiva con la mela avvelenata?).

Un primo sguardo alla nuova attrazione di Biancaneve “Show White’s Enchanted Wish” – Youtube

“Stavolta abbiamo pensato di ridipingere l’esterno con colori più caldi per rendere l’atmosfera più allegra. Siamo ottimisti e speriamo che i nostri nuovi ospiti rimangano estasiati davanti a questa nuova splendida attrazione e ad una storia così dolce”.

Il bacio a Biancaneve non è consensuale: a Disneyland scoppia la polemica

L’accoglienza, tuttavia, non è stata delle migliori. A far esplodere il putiferio sul web e sui principali social network è stato un articolo del San Francisco Gate. “L’attrazione rinnovata conserva il fascino originale che aveva all’inaugurazione del parco nel 1955, ma riporta una storia ancora più fedele a quella del film del 1938“, scrivono le autrici. “È per questo che è stato anche aggiunto il problema più grande del film“.

L’errore del parco sarebbe quello di aver ricalcato così attentamente la storia originale del lungometraggio Disney da aver incluso la scena finale: il bacio rubato a Biancaneve dal principe. Questo non sarebbe consensuale, poiché Biancaneve continua a dormire ignara di tutto, sembrando addirittura morta, a causa dell’incantesimo della Regina Cattiva.

È un bacio che il principe dà senza consenso, mentre Biancaneve dorme, perciò è impossibile che sia “vero amore” se solo una persona è al corrente di ciò che sta succedendo” è la critica mossa contro Disneyland.
Non siamo tutti d’accordo che il consenso nei primi film Disney sia un problema importante? Che insegnare ai bambini che baciare se entrambe le parti non sono d’accordo non è ok?“. Il tema del famoso “bacio del vero amore” agli occhi delle autrici sembra piuttosto inappropriato ed antiquato nel 2021.

Non è una novità che alcune attrazioni del parco siano state modificate rispetto alle prime versioni a causa di contenuti ritenuti offensivi, razzisti o incitanti alla violenza. È il caso di Splash Mountain, Pirates of the Carribean e Jungle Cruise, già sotto i riflettori per diverse polemiche in passato.

Negli ultimi mesi, inoltre, la Disney si è trovata a modificare alcune avvertenze sui contenuti di film come “Peter Pan”, “Gli Aristogatti” e “Dumbo”, per accuse di razzismo e stereotipi dannosi per i più piccoli.


Swimmy: debutta in Italia il noleggio di piscine

Cosa significa muser?