Barbara D’Urso ha scritto un commovente messaggio a suo figlio Giammauro in occasione del suo compleanno.

Barbara D’Urso ha postato sui social un’immagine del suo passato in cui è ritratta in spiaggia col pancione accanto al suo ex compagno, Mauro Berardi, padre dei suoi due figli. La foto è stata condivisa dalla conduttrice in occasione del compleanno del suo primogenito, Giammauro Berardi. “Ed alle 14 in punto sei arrivato TU. Il mio primo figlio. L’unico vero punto di felicità perfetta e totale ( che si è ripetuto il 29 settembre di due anni dopo).E continui a rendermi felice… anche a migliaia di chilometri di distanza… Ed a rendermi orgogliosa..tanto orgogliosa. Io TU ed Emanuele..insieme.. sempre..ed indivisibili. Ti amo”, ha scritto nel suo post la conduttrice.

Barbara D’Urso: la foto col pancione

Barbara D’Urso ha scritto una commovente dedica a suo figlio Giammauro in occasione del suo 35esimo compleanno, il 4 agosto 2021. La conduttrice ha postato una foto in cui è ritratta giovanissima e incinta del suo primogenito (seguito 2 anni più tardi dal suo figlio più piccolo, Emanuele). Oggi Giammauro Berardi lavora come medico e chirurgo e ha sempre vissuto la sua vita privata lontano dal mondo dei riflettori. Suo fratello Emanuele lavora invece come fotografo e reporter, e anche lui ha sempre evitato la popolarità (nonostante quella della madre).

I rapporti con Mauro Berardi

Barbara D’Urso ha mantenuto un ottimo rapporto con il padre dei suoi due figli, Mauro Berardi, che ha sempre definito il grande amore della sua vita. I due sono nati entrambi il 7 maggio e ogni anno la conduttrice è solita dedicare un messaggio d’affetto al suo ex in occasione del loro compleanno. “Non ci siamo mai sposati, ma ci siamo amati molto e abbiamo fatto due meravigliosi figli”, ha confessato la conduttrice tramite social in merito alla sua grande storia d’amore con il produttore.

Barbara D'Urso

ultimo aggiornamento: 05-08-2021


Matteo Salvini si mette in forma: la foto su Instagram

Jack Brooksbank avvistato a Capri senza Eugenia di York