Come fare un anticalcare naturale per lavatrice: come realizzarne uno semplice e veloce a base di aceto.

Mantenere pulita la propria lavatrice è molto importante. E per farlo al meglio è necessario preoccuparsi della possibile formazione di calcare. Cosa fare, però, se si vuole evitare di usare prodotti aggressivi e spesso anche molto costosi? Per fortuna esistono diversi prodotti del tutto naturali che possono esserci d’aiuto e che con poca spesa offrono risultati ottimali. E tutto senza spendere troppo. Scopriamo quindi come dar vita ad un anticalacare naturale ed economico.

Aceto come anticlacare per lavatrice: la soluzione semplice e naturale

Usare l’aceto come anticalacare per lavatrice è, senza alcun dubbio, il metodo naturale più semplice, pratico e veloce che ci sia.

aceto in lavatrice
aceto in lavatrice

Un modo che garantisce un buon risultato senza aggredire l’ambiente e fornendo alla macchina tutto l’aiuto che serve per contrastare i depositi di calcare. Per usare al meglio l’aceto come anticalcare naturale per lavatrice il consiglio è quello di farlo senza bucato, in modo da consentirgli di lavorare al meglio sulla lavatrice.

Per riuscirci occorre versare un litro di aceto bianco nel cestello, impostare un programma di almeno due ore e ad una temperatura di circa 60°. Fatto ciò si potrà far partire la lavatrice, ottenendo lo scioglimento di eventuali depositi di calcare.

L’aceto è anche un ottimo ammorbidente per il bucato

Un altro modo per avvalersi del contributo dell’aceto è quello di usarlo come ammorbidente. Il suo odore verrà via con il lavaggio, pulendo più a fondo i capi e rendendoli più morbidi.

Per usarlo basta inserire il normale detersivo (o il detersivo naturale) e aggiungere 100 ml di aceto nello scomparto dell’ammorbidente. A questo punto si potrà pulire il bucato come sempre e tutto per un risultato naturale, ecologico e di sicuro effetto.

Se non si è del tutto convinti circa il possibile odore che l’aceto potrebbe conferire ai vestiti, si può aggiungere allo stesso (sempre nel contenitore per l’ammorbidente) dell’olio essenziale alla rosa o alla lavanda. In questo modo oltre ad ottenere un bucato più bianco e morbido si potrà anche godere di un profumo più che gradevole e che sarà possibile cambiare di volta in volta in base alle preferenze.


Come bucare le conchiglie senza romperle: i metodi con e senza trapano

Dove si buttano i gusci delle cozze? La risposta non è così scontata