Il mondo dell’editoria è in lutto per la scomparsa della celebre scrittrice Anne Rice, che si è spenta a 80 anni.

Anne Rice, autrice di numerosi best seller tra cui Intervista col vampiro (da cui è stratto tratto il famoso film interpretato da Brad Pitt e Tom Cruise), si è spenta a 80 anni a causa di alcune complicazioni dovute a un ictus.

Anne Rice è morta: il lutto

La celebre autrice Anne Rice si è spenta a 80 anni nella sua casa a New Orleans (dove era nata il 4 ottobre 1941). La notizia della sua scomparsa è stata data dal figlio, Christopher Rice, che attraverso un post condiviso su Facebook ha annunciato: “Mia madre ci ha lasciati quasi nell’anniversario esatto della morte di mio padre Stan, 19 anni fa. L’immensità del lutto della nostra famiglia non può essere sottolineata abbastanza. Come madre, mi ha insegnato a inseguire i miei sogni, a rifiutare il conformismo e a sfidare le voci oscure della paura e dell’insicurezza. Come scrittrice, mi ha insegnato a sfidare i confini dei generi e ad arrendermi alle mie passioni ossessive”.

Oltre al successo ottenuto con il best seller Intervista col vampiro (da cui è stato tratto il film cult con Brad Pitt), Anne Rice era nota come autrice di culto per il genere horror e del nuovo gotico. A New Orleans in queste ore si stanno tenendo numerose manifestazioni in ricordo della famosa scrittrice, che sarà sepolta al Metairie Cemetery con una cerimonia privata. Il suo ultimo libro, Blood Communion: A Tale of Prince Lestat, risale al 2018.

La vita privata della scrittrice

Sposata con Stan Rice (scomparso nel 2002) la celebre autrice aveva due figli: Christopher e Michele. Nel corso della sua lunga carriera letteraria Anne Rice ha dedicato molti dei suoi libri alle cosiddette “cronache dei vampiri” e alcuni di essi sono diventati best seller di fama internazionale.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 12-12-2021


Aida Yespica passerà un altro Natale senza il figlio Aron: ecco perché

Carolina Marconi sogna un figlio: “Ho parlato con il mio oncologo, tra un paio d’anni forse…”