Aida Yespica spiega le motivazioni per le quali non potrà passare il Natale con suo figlio Aron, avuto dall’ex calciatore, Matteo Ferrari.

Aida Yespica rivela i motivi per cui non trascorrerà il Natale – ancora una volta – con il figlio Aron. Il bambino, al momento, vive a Miami con il padre, Matteo Ferrari. La showgirl afferma di non poterlo raggiungere per diverse ragioni.

Aida Yespica
Aida Yespica

Aida Yespica, un altro Natale senza il figlio: ecco perché

A causa di problemi burocratici, Aida Yespica non può vedere il figlio Aron e, pertanto, trascorrerà un altro Natale senza di lui. Il bambino vive col padre Matteo Ferrari a Miami. “Siccome sono venezuelana per poter entrare in America ho bisogno del visto. E mi hanno detto che per poterlo ottenere dovrò aspettare il marzo del prossimo anno“.

La showgirl non vede suo figlio da due anni: il loro rapporto, infatti, corre sul filo delle videochiamate che, tutti i giorni, madre e bambino effettuano per potersi tenere in contatto.

Il rapporto con Matteo Ferrari

Aida è sempre stata una madre molto affettuosa con Aron. Dopo un periodo turbolento passato con Ferrari, i due si sono rasserenati. L’ex calciatore, in un primo momento, però, aveva chiesto l’affidamento esclusivo del bambino.

La Yespica afferma in merito: “Il motivo? Mai saputo. Siamo andati in tribunale, ma alla fine la giustizia ha dato ragione a me, vedendo quanto amore e dedizione ho per mio figlio. Mi considero un’ottima madre“. Aida, inoltre, ha deciso di far vivere suo figlio col padre negli Stati Uniti per assicurargli un avvenire migliore.

Ecco le sue parole: “Dopo una truffa subita che mi ha lasciata senza soldi ho deciso insieme al padre che sarebbe stato meglio a Miami, dove avrebbe continuato a frequentare scuole internazionali. Ho scelto il meglio per lui, per garantirgli un futuro“.

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 12-12-2021


Alessia Marcuzzi, la rivelazione piccante sulla sua vita intima

La scrittrice Anne Rice è morta a 80 anni: aveva scritto Intervista col vampiro