Ambra Angiolini e la rivincita sul maglione del Primo Maggio

Dopo le critiche ricevute l’anno scorso per un maglione troppo costoso, Ambra Angiolini ha cambiato stile per il Concerto del Primo Maggio 2019. Ecco la sua risposta!

Nei giorni successivi al 1° maggio 2018 sui social non si parlava d’altro, se non del maglione indossato da Ambra Angiolini per presentare il Concerto. Critiche e commenti sgradevoli avevano diviso il mondo del web in due: da una parte chi proprio non accettava un maglione così caro (il costo del pullover di Alberta Ferretti sfiorava i 400 euro) e dall’altro chi non prestava attenzione a tale dettaglio.

Ecco allora che per l’edizione successiva Ambra Angiolini ha voluto la rivincita. Lasciato a casa il maglione firmato, ha preferito indossare una maglia – simile di colori – con i nomi dei finanziatori del festival!

Il maglione di Ambra Angiolini firmato CIGL-CISL-UIL

CIGL-CISL-UIL: per chi non li conoscesse non si tratta di una nuova casa di moda, bensì dei sindacati che finanziano e coordinano ogni anno il Concerto del Primo Maggio. Viste le critiche ricevute l’anno precedente, quest’anno Ambra Angiolini ha voluto lanciare una frecciatina verso tutti gli haters che l’anno scorso si dicevano indignati dal suo outfit!

Ambra Angiolini e Lodo Guenzi
Fonte foto: https://www.instagram.com/angiolinifanclubb/?hl=it

In molti l’hanno notato e il riferimento sembra proprio chiaro: righe di colori simili e scritte verticali come la maglia di Alberta Ferretti. La provocazione sarà arrivata? La polemica circa l’abbigliamento di quest’anno si aggiungerà a quella per l’assenza di donne sul palcoscenico di Roma?

Cosa era successo nel 2018?

Per l’edizione 2018 del Concerto del Primo Maggio i followers non avevano risparmiato critiche pesanti sull’outfit di Ambra Angiolini. In occasione del festival, infatti, la conduttrice televisiva aveva indossato un maglione color arcobaleno di Alberta Ferretti.

Sui social si era alzato un polverone a riguardo, con vari commenti sul valore eccessivamente caro del capo da lei indossato. 350 € è il costo del maglioncino e a quanto si è detto sui social l’abbigliamento non era adatto ad uno show in favore dei lavoratori.

La gente comune che avrebbe dovuto rappresentare – così come è stato più volte detto su Instagram – era solo una farsa perché nessun lavoratore medio può permettersi quel tipo di maglia. “Ambra che fa la morale con un maglione da 400 euro“, il commento di alcuni.

Fonte foto copertina: https://www.instagram.com/angiolinifanclubb/?hl=it

ultimo aggiornamento: 07-05-2019

X